- Biocosmopolitan, what an AMAZING album. Boris creativity boggles the mind...brilliant, brilliant work!!!. Todd Jenkins: All About Jazz, Down Beat, Route 66 Magazine, Signal To Noise and American Songwriter

- Biocosmopolitan is a bright, infectious and singable work [where] the right balance of passion, delivery, and technology come together for 16 enjoyable tracks...Mark Redlefsen, All About Jazz NY

- Multifaceted and immensely talented, Salvoldelli elevates the singer-songwriter model into a nouveau cosmic delight...Glenn Astarita, allaboutjazz New York

- Boris sound like an urban choral orchestra...Mark Redlefsen, All About Jazz NY

Boris Savoldelli represent the idea of “moving tradition”. He reinvents the jazz songbook with bulimic frenzy and originality. Fabrizio Servienti, Musica Jazz Magazine

- Biocosmopolitan is a fascinating and original album. Freedom in genres and urge towards experiments — this is what always distinguished Boris from others. Diana Kondrashina. Jazz Ru (Moscow)

- In Biocosmopolitan there is never a dull moment...Mark Redlefsen, All About Jazz NY

- Move over Bobby McFerrin, Take 6, and Norah Jones; with Biocosmopolitan, Boris Savoldelli has moved to the front of the line....Mark Redlefsen, All About Jazz NY

- Boris Savoldelli has great ideas and is very natural in proposing his very spice atmospheres composed by jazz, funk and also rock. His voice is very unusual and pleasant...Guido Festinese, Il Manifesto (italian national newpaper), sabato 11 giugno 2011

- Boris Savoldelli is an “exported” italian jazz musician who’s collecting lots of great reviews and gigs around the world. He’s a rare case of “exportable” italian musician halfway between jazz, improvisation and pure experimentation…His next challenge? Conquer Italy!…Andrea Morandi, il Venerdì de la Repubblica (italian national daily newspaper)

- Boris Savoldelli takes us on an equally extraordinary globe-spanning ride through mostly voice-only jazz, funk, and doo-wop creations. This Italian singer certainly expresses his training in operatic and jazz singing in dazzling ways. Chris Twomey, Corriere Canadese, daily Canadian-italian newspaper

- the most adventurous male vocalist in the contemporary jazz scene...Arnaldo DeSouteiro, Producer Jazz Station Records, New York

- A revelation. The Voice-Instrument of Boris, a jazz-rock revolution...Marco Mangiarotti. Il Giorno (italian national newspaper)

-Biocosmopolitan is CATACLYSMIC, to say the least! 16 absolutely cosmic tracks that will hold you spellbound for the entire 49:17. Dick Metcalf, Improvijazzation Nation Magazine (South Korea)

- Boris is definitely one of the most interesting and pyrotechical singer in the whole world. Paolo Ronchetti. Mescalina (italian web 'zine)

- Boris hits with his elegy, on one side he's a crossroad between a cartoon, an abstract paint and an action movie . On the other side he's a composition of real imagines that are moving continuosly and where you can find symbols and archetypes...Federico Scoppio, Musica Jazz (italy)

-A brilliant heir to Bobby McFerrin and Al Jarreau, but from Mark Murphy, Boris has inherited the full spectrum of his experimentation that goes from pop to rock, from funk to jazz...Marco Mangiarotti. Il Giorno (italian national newspaper)

- Not just a vocal acrobat, but a vocal contortionist...Marco Mangiarotti. Il Giorno (Italian national newspaper)

- A work of dizzying vocal harmonization…Fabrizio Versienti, Il Corriere del Mezzogiorno (italian national newspaper)

- Say that Boris is simply original would be an understatement…Fabrizio Versienti, Il Corriere del Mezzogiorno (italian national newspaper)

- Boris is able to create an enjoyable complex and virtuosic music… Fabrizio Versienti, Il Corriere del Mezzogiorno (italian national newspaper)

- If you consider yourself a vocal music lover and feel certain that the voice can amplify instrumental music but not vice versa — be ready to change your mind after coming across Boris Savoldelli's music whose voice can transform into any instrument, not necessarily acoustic. Diana Kondrashina. Jazz Ru (Moscow)

- An incredible step forward from his first lp where the keyword is "having fun". The small vocal orchestra hits again! Welcome back Boris! Donato Zoppo. Movimenti Prog.(Italy)

- "Biocosmopolitan" is nothing short of a tour de force of vocal artistry...Arnaldo DeSouteiro, Producer Jazz Station Records, New York

- Biocosmopolitan represents a new pinnacle for this unique and wholly engaging vocal performer...Arnaldo DeSouteiro, Producer Jazz Station Records, New York

- You will be totally wrapped up in Boris strange & amazing world of sonic wonderment. Dick Metcalf, Improvijazzation Nation Magazine (South Korea)

- Biocosmopolitan would be a remarkable album even if it were performed by a large ensemble of singers and instrumentalists, but the fact that these intricately layered songs were performed in real time by a single vocalist is difficult to believe...Arnaldo DeSouteiro, Producer Jazz Station Records, New York

- Seldom has vocal music been heard that conjures both the Beach Boys and Stockhausen in the same track...Arnaldo DeSouteiro, Producer Jazz Station Records, New York

- While other singers have also emulated instrumental timbres using the human voice, none has taken this approach further or with such inventiveness as Savoldelli has on Biocosmopolitan mapping out new frontiers for the human voice...Arnaldo DeSouteiro, Producer Jazz Station Records, New York

- Bicosmopolitan, is a full immersion into the joyful and brilliant art of Boris, a free zone where all coordinates are muffled and confused, where idioms and rhythms are mixed together with both lightness and deep feeling...Stefano Solventi, Sentireascoltare (Italy)

- Biocosmopolitan, a powerful cd!...Rigobert Dittmann, Bad Alchemy Magazine (germany)

- A wonderful vocalist, really amazing. Brian Wilson would be proud of these songs. The right balance between experimentation and pop feeling, and the result is very enjoyable. Bravo Boris...Furio Sollazzi Strumenti Musicali e MiaPavia.it (Italy)

- an interesting one-man anthology of laryngeal pyrotechnics...Mark S. Tucker, acousticmusic.com

- Biocosmopolitan is handsome and very nice. And it rocks like hell too. Highly recommended, moorsmagazine.com (Holland)

- Boris Savoldelli's Biocosmopolitan Hits the Street...Grego Applegate Edwards, Music Critic

- There are vocalists who prefer to create their own musical worlds rather than get stuck in the crosstown traffic snarls of mainstream rush hour. If they are good they bring us something new. If they are really good they can bring us joy...Grego Applegate Edwards, Music Critic

- Boris Savoldelli follows his own muse. And he is really good at it...Grego Applegate Edwards, Music Critic

- Biocosmopolitan is what happens when the vocal brilliance of a Bobby McFerrin, Brian Wilson, Peter Gabriel, or Imogen Heap are transformed to Boris Salvoldelli's very original vision of what can be...Grego Applegate Edwards, Music Critic

- Boris' voice is a voice of great range and an unmistakable sound. Even more so his vocal arrangements are breathtaking...Grego Applegate Edwards, Music Critic

- In Biocosmopolitan there is the joy of singing, the exuberance, the craziness, and the sheer artistry of Boris...Highly recommended. You need to hear this. Seriously...Grego Applegate Edwards, Music Critic...Grego Applegate Edwards, Music Critic

- I recommend this artist...rezensator.de (Germany)

- Boris cannot be considered just a singer, he is a real voice orchestra! …Francesco Peluso, neapolisjazz.net (italy)

- an artist with a lot of creativity, vitality and ability...Gianni Del Savio, Musica e Dischi (Italy)

- Biocosmopolitan is proverbial vocal jazz, and yet so much more...a true immense plesure to listen...Andreas Schiffmann, musikreviews.de (germany)

- Boris Savoldelli is a man of thousand voices. There is nothing really this Italian vocalist is not able to sing...Mark Kadzielawa “69facesofrock”

- Biocosmopolitan" is certainly very inventive and original, an unusual journey. It's enchanting, strange, and beautiful...Mark Kadzielawa “69facesofrock”

-Boris uses his voice as a musical instrument and do it in an incredible way. Biocosmopolitan is fantastic!...Polish Jazz Magazine..Polish Jazz Magazine

- Boris is a versatile and provocative artist. He's got a beautiful voice and his new cd is very exciting...Gustavo Bolasini, mellotronweb.com.ar (argentina)

- No way, Boris is a great singer and his new albun is incredible...Franco Leonetti, metallized.it...Franco Leonetti, metallized.it (Italy)

- Biocosmopolitan is a great cd, a new step forward for one of the best singer actually...Franco Leonetti, metallized.it (Italy)

- Boris is an Italian singer who uses his remarkable voice like no one I have heard before...Jon Neudorf, seaoftranquility.org

- Biocosmopolitan, an enjoyable record from the first song to the last...Jon Neudorf, seaoftranquility.org

- Boris has taken a cappella jazz music to the next level...Jon Neudorf, seaoftranquility.org

- The music of Boris is very precise, rigorous, complex but easy to listen. His music has something "light" to which we are no longer used, because it goes deep and we do not realize it...Riccardo Storti, Direttore Centro Studi sul Progressive Italiano

- Boris shows us a great technique and passion with an ingredient
that very few artist know how to use today: the irony...Riccardo Storti, Direttore Centro Studi sul Progressive Italiano (Italy)

- Biocosmopolitan is a polyphonic kaleidoscope...Riccardo Storti, Direttore Centro Studi sul Progressive Italiano

- Boris brings a unique style to the world of contemporary jazz...D. Oscar Groomes. O's Place Jazz Magazine

- Boris' voice is true and seductive...monsieurdelire.com (Francia)

- A vocal acrobat...Oder Stummes, ragazzi-music.de (germany)

- each song of Biocosmopolitan has its extravagance, its brilliance, its sound...Oder Stummes, ragazzi-music.de (germany)

- I am becoming more and more convinced that Boris is something of a musical genius...Phil Jackson, Acid Dragon (UK)

- Boris has invented a very successful synthesis that led him to be a kind of phenomenon. You might mention Bobby McFerrin and Al Jarreau, but Boris has its own well-defined voice and style...Marco Crisostomi. Audioreview.

- a vocal wonder, not just a great singer, he's a vocal orchestra all by himself...united-mutations (usa)

- Fascinating...what a great voice, he is blessed...prog-rock.info (germany)

- Boris impresses with his brilliant and genial personality…Francesco Peluso, neapolisjazz.net (italy)

- His irony, in balance between jazz, urban with a bit of avant-garde and then a bit of pop. This is the trademark of one of the best vocalist currently singing in Europe...Alex Franquelli. Ondarock

- Biocosmopolitan is a rare gem where there's a fantastic contrast between melody and experimentation...Alex Franquelli. Ondarock

- a tremendous talent...Todd Jenkins: All About Jazz, Down Beat, Route 66 Magazine, Signal To Noise and American Songwriter

- Biocosmopolitan is highly recommended as one of the best albums of this year (2011)...Todd Jenkins: All About Jazz, Down Beat, Route 66 Magazine, Signal To Noise and American Songwriter

- Boris offers something genuinely original...Raffaella Berry, Music Critic, USA

- Boris is much more than an ordinary singer, he is a real "maestro della voce", a master of the art of shaping his voice in ways that would sound impossible to most people...Raffaella Berry, Music Critic, USA

- Boris’s voice ranges from gritty, passionate blues tones to elegant, jazzy smoothness, infused with a genuine sense of humour and enjoyment...Raffaella Berry, Music Critic, USA

- Biocosmopolitan is an ideal showcase for the amazing vocal and compositional talents of an artist whose work proves that impeccably performed music can also be fun...Raffaella Berry, Music Critic, USA

- Biocosmopolitan is a cd full of great music and humor...distritojazz.es

- Boris, an artist able to excite and surprise with his voice and looper...Francesca Grispiello, L’isola che non c’era.

- Biocosmopolitan is a great cd, full of fun and good music...Francesca Grispiello, L’isola che non c’era.

- Boris' voices are incredible, so rich and vivid...Roberto Vanali, arlequins.it

- Let's be clear: Boris can do with his voice what anyone, after having tried at least once in life to sing, wants to do....Roberto Vanali, arlequins.it (Italy)

- definitely impressive...an artist to listen to!...Mr. Blue, musicwaves.fr (france)

- Biocosmopolitan is sonically very impressive but when you read the liner notes and realize that all the sounds were made by one man it becomes even more amazing...Rob Hudson, modmove.com

- This work is infectious, unlike anything else in your collection and shouldn’t be missed... Rob Hudson, modmove.com

- Biocosmopolitan is one of the more genius works I have heard in 2011...Alex Johnson - MuzikReviews.com (usa)

- Biocosmopolitan is an album for any fan of good music...Alex Johnson - MuzikReviews.com (usa)

- Boris? Fantastic! A vocal acrobat...Renato Moraes, progbrasil.com.br (Brasil)

- Biocosmopolitan it's a great cd...a party ... Enrico Ramunni, Rockerilla, aprile 2011 (Italy)

- Boris is enthusiastic about life and you can feel this contagious feeling in his music and voice...Diego l’Alligatore, Frigidaire, giugno 2011 (Italy)

- Boris is indefinable, unsettling....catch him alive, it will be a party...Diego l’Alligatore, Frigidaire, giugno 2011 (Italy)

- In Biocosmopolitan Boris style is at its top with a very peculiar use of his voice, so extraordinary personal and full of nuances....Roberto Caselli, Jam, aprile 2011 (Italy)

- Biocosmopolitan is a truly remarkable project...Vincenzo Fugaldi, Jazzitalia (Italy)

- Bicosmopolitan...absolutely beauty..all songs are full of surprises and twist...Philippe Arnaud, Harmonie Prog Magazine, France

- Biocosmopolitan in a word: Irresistable!!...Philippe Arnaud, Harmonie Prog Magazine, France

- Biocosmopolitan left me speechlees...Buy It!... Philippe Gnana, Harmonie Prog Magazine, France

- Biocosmopolitan, a superb vocal performance...muzika.hr (hungary)

-It's very rare to listen to a vocal prject where the Beach Boys are put together with Stockhausen, and Boris did it!manticornio.com (spain)

- Biocosmopolitan, a truly amazing and pleasing album!...Cyrille Delanlssays. Koid 9 Magazine (france)

- an a cappella approach never sealed, anti depression, tonic and colorful....Cyrille Delanlssays. Koid 9 Magazine (france)

- Fresh and genuine music...Andrea Marchegiani artistsandbands.org
-“A great proponents of simply superb singing” -
Mark Murphy (Jazz singer)

-“A technically dazzling, musically engaging show” -
Bob Bannister (contributor to Time Out New York Magazine)

-“I was blown away by its power, musicality, technique and humor. Really, great singing” -
Elliott Sharp

-“An attractive voice, interesting ideas, exciting solos” -
Howard Mandel (Jazz critic)

-“One of the most intriguing vocal projects to come along in years” -
Arnaldo DeSouteiro (producer Jazz Station Records, New York)

-“Definitely a genius.” -
Iouri Lnogradski (contributor to Jazz Russia Magazine and Jazz.ru)

-“Boris is twitching violently, tapping his larynx in the name of vibration, manipulating his own sampled tones into wobbled pitch-waverers. A fine night”- Martin Longley (contributor to All About Jazz New York)

-“A modern variation on Bobby McFerrin and Al Jarreau” -
René Yedema (contributor to IoPages Magazine Netherland)

-“I am still mighty impressed by the crafty use of Boris' many voices” -
Bruce Lee Gallanther (Downtown Music Gallery New York)

-“He knows every moving piece of his elaborate puzzle and has a round and powerful voice” -
Suzanne Lorge (contributor to All About Jazz New York)

-“A marvellous vocalist, creepy and crawly. On stage he is an unmistakable presence” -
Ezio Guaitamacchi (Musical critic, director of Jam Magazine)

-“Is something else” -
Greg Edwards (contributor to Gapplegate)

-“Very few singers pick up the thread that Bobby McFerrin left behind, but Boris takes it a step beyond” -
Herman Te Loo (contributor to Jazz Flits Magazine, Holland)

-“A really great voice” -
Rigobert Dittman (contributor to Bad Alchemy Magazine Germany)

-“A unique talent, An arresting mix of painstakingly overdubbed vocals, human beatbox effects, African-inspired choral music” -
Chris Parker, (contributor to Vortex Jazz Magazine, UK)

-“Welcome to the tower of song when all is voice and voice is all” -
Dmitry M. Epstein (contributor to Dmme Magazine, Israel)

-“A great range and dexterity in his voice” -
Eric Mingus

-“An hypnotic voice” -
Michelina Zambella (contributor to America Oggi Magazine)

-“An artist of extreme worth” -
Marco Del Corno (contributor to Arlequins Magazine)

-“He’s the passion who get the upper hand of reason, the impossible made possible” -
Furio Sollazzi (contributor to Strumenti Musicali Magazine)

-“He combines a great professionality with an ironic and funny attitude” - Christian Verzelletti (contributor to Mescalina Magazine)

-“A young voice "maestro", a solo performer who becomes a little joyful exciting orchestra” -
Donato Zoppo (Contributor to Jam Magazine and Movimenti Prog Magazine)

-“A solid technique and an incredible imagination” -
Enrico Ramunni (Contributor to Rockerilla)

-“A bit of madness in a huge talent” -
Maurizio Matteotti (contributor to newspaper Giornale di Brescia)

-“The magic of a kaleidoscopic musicality and vocality” -
Loris Furlan (contributor to Il Mucchio Magazine)

-“One of the greatest singer we have in Italy” -
Franco Leonetti (contributor to Idea Magazine)

-“Keep an ear on Boris…a promising artist in which a heaping helping of his promise is fulfilled” -
Steve Cummings (ABC Radio Networks, Dallas)

-“A vocalist with great talent, competence and creativity” -
Riccardo Storti (contributor to Mentelocale Magazine)

-“A meaningful protagonist of the italian music panorama” -
Luca Morzenti (contributor to Movida Magazine)

-“A maniacal perfection and lots of irony”-
Diego Pinamonte (contributor to Smemoranda Magazine)

-“A musician who's doing everything by himself playing only one instrument: his voice” -
Paolo “Crazy” Carnevale (contributor to “Il Corriere Della Sera Alto Adige” and Circuitosonoro Magazine)

-“The voice "of a great". Everything with his voice, but the result sounds like, and even more, then a real band ” -
Gianpaolo Laffranchi (contributor to “Bresciaoggi” newspaper)

-“Boris is a voice virtuoso, a very talented vocalist” -
Fabiana Bugno (contributor to Tempi Duri Magazine)

-“An unconventional musical experimenter” -
Marco Leopizzi (contributor to Musicaround Magazine)

-“He 's able to use his voice like a mosaic, thanks to a great ability” -
Giancarlo Bolther (contributor to Rockimpressions Magazine)

-“Not to be missed” -
Mario Giammetti (contributor to Rockstar Magazine)

-“Music needs protagonist like Boris” -
Marco del Corno (contributor to Arlequins Magazine)

-“In Boris vocal chords harbours a schizophrenic habit” -
Paolo Carnelli (contributor to Wonderous Stories Magazine)

-“He does wonder with his voice” -
Jochen Rindfrey (contributor to Babyblaue-Seiten Magazine, Germany)

-“Stunning vocal experimentations” -
James Russell (Music critic, UK)

-“A shamanic singing with a trascendental technique”
Enrico Ramunni (contributor to Rockerilla Magazine)

-“An excellent singer and a great range”-
Phil Jackson (contributor to The Rocker Magazine)

-“Great vocal layers, rhytmical phrasing, vocal percussions and horns you forget there’s no band behind him”-
Gaspare Bonafede (contributor to Jazzitalia magazine)

-“Wonderful!” -
Volkmar Mantei (contributor to www.ragazzi-music.de)

-“A great technique and an incredible voice” -
Aleksandr Lézy (Contributor to Progressia.net)

-“An artist who created is own original language very far from any standard” - IlPanes (contributor to Debaser)

Prolusion. “Insanology” is the debut album of vocal performer Boris SAVOLDELLI, who is also a member of avant-garde ensemble SADO. Hailing from the Northern Italian town of Modena, since his early childhood years Savoldelli has been fascinated by the possibilities offered by the human voice, which led him first to training as an opera singer, then to exploration of more experimental techniques, such as the ones used by Area’s Demetrio Stratos, or ethnic forms like Siberian overtone chanting. In the past few years he has been engaged in a number of diverse projects; earlier in 2009 he released the album “Protoplasmic” in collaboration with jazz guitarist/composer Elliott Sharp. The lyrics on “Insanology” were written by Savoldelli’s friend and long-time collaborator, singer-songwriter Alessandro Ducoli.

Analysis.“Insanology” is certainly not your average prog album – very far from that. However, it is also a very progressive offering, one of those discs that come as an unexpected surprise to the jaded listener, weary of hearing yet another band imitating either the classic acts of the Seventies, or any of the modern pretenders to their throne. Following in the footsteps of vocal innovators such as Bobby McFerrin or the late, great Demetrio Stratos, in 2007 Boris Savoldelli recorded a debut solo album solely based on his impressive vocal abilities, proving once again that the human voice can be as effective an instrument as anything man-made. Though “Insanology” is very short for today’s standards (at under 30 minutes, little more than an EP) it is quite dense in its own peculiar way. Although the initial reaction of the average prog fan might very well be a giant question mark (or even something more colourful), those more used to listening to jazz in all its manifestations will recognize some familiar stylings. In fact, even if rock music has produced a sizable number of fine vocalists, it has never been noted for actual research in new forms of singing – something, instead, that is more of a prerogative of jazz, or of the vast, diverse galaxy known as world music. Savoldelli only needs his extraordinary voice (and the help of loops) to carry off the album, with the exception of two tracks to which veteran jazz guitarist Marc Ribot lends his acoustic guitar. The average song length is around 2 minutes, with only two items exceeding the 3-minute mark – quite surprising in a world where over-60-minute albums (even self-released ones) seem to be the rule. However, as mentioned above, the album is uncommonly dense, and nowhere as immediate as a superficial listen would suggest. Savoldelli’s skill at creating varied atmospheres in each of the songs, compressed as they are by their limited running time, is to be admired. This is a highly technical effort, but in a very different way from the flashy offerings of so many conventional progressive rock bands. Savoldelli’s voice, far from being just a beautiful but soulless instrument, is full of warmth and humour - basically high-pitched, yet very well-modulated, never jarring or grating. While the Stratos comparisons are inevitable, Savoldelli comes across as somewhat more restrained. He also sounds as someone who is actually enjoying what he is doing, and not just going through the motions in order to wow his audience with his impressive technique. The album’s lyrics mingle Italian and English, and follow the humorous, somewhat nonsensical strain typical of Canterbury or RIO/Avant bands. As a whole, the album exudes an optimistic mood that is a welcome change from the tons of bands or artists that go the existentialist route, and take themselves and their music far too seriously. Opener Andywalker already sounds like a statement of intent, with Savoldelli’s incredible vocal weaves interspersed by funny, cartoonish sounds. The following song, Circlecircus, shares the same upbeat quality, and includes a sort of rap section; while Mindjoke has a strong Latin flavour, bolstered by Marc Ribot’s stylish, laid-back guitar and Savoldelli’s harmonious singing. The title-track, which also features Ribot’s contribution, is in a very similar vein. A sudden change in atmosphere occurs with the touching Moonchurch, in which – as the title implies – Savoldelli reproduces a whole choir of angelic voices. In sharp contrast, the very intense, exhilarating vocal performance and rhythmic feel of Jimi Hendrix cover Crosstown Traffic take the listener into decidedly rock territory. The upbeat, vintage-style melody of De-Toxic Hatefull may be somewhat reminiscent of Yes’ vocal harmonies, while the bluesy torch song In the Seventh Year sees Savoldelli’s voice sounding deeper than usual, wistful and passionate. The delicate Bluechild also features a very sensitive interpretation by the artist, who almost whispers the words at the beginning, and then turns more assertive, almost in a gospel vein. At the close of the album we find two vocal-only versions of Mindjoke and Insanology, and a real delight for Gentle Giant fans – Io, possibly the most experimental item on display, is sharply reminiscent of the song Knots from the “Octopus” album. Without any doubt, “Insanology” is a stunning debut album, a disc brimming with ideas and freshness that should appeal to everyone with even a passing interest in authentically progressive music. Definitely more accessible than Savoldelli’s recordings with Elliott Sharp and SADO, it is a must for fans of distinctive vocal performances. In spite of its upbeat, uplifting nature, however, it should not be forgotten that there are years of serious study and research behind it.

Conclusion. Those who are keen on exploring new avenues in music, and are intrigued by the creative possibilities offered by the human voice, will find “Insanology” very much to their taste. Obviously, lovers of conventionally arranged progressive rock might find this album boring, or simply a tad one-dimensional. However, as baffling as this disc might be for those used to a more traditional approach to music (especially as regards the presence of actual instruments), I would recommend everyone to give “Insanology” a try. They might be in for a very pleasant surprise.
Raffaella Berry - http://www.progressor.net/review/savoldelli_2007.html - 01-02-2010
Boris Savoldelli - Insanology - Cover Line Notes From Mark Murphy
Boris is one of the great undiscovered proponents of simply superb singing and this cd proves it....sincerely Mark Murphy

Mark Murphy - Cover Line Notes, October the 9th 2007 - 30-01-2009
Voice only. Und der Mann hat Stimme. Boris Savoldelli hat die Songs seiner "Insanology" CD komponiert (einige mit anderen Musikern gemeinsam), die einzelnen Stimmen arrangiert, singt mit sich selbst lautmalerisch und Texte intonierend im Chor - mal, wie gleich zu Beginn, machomäßig und cool, dann verspielt, mal folkloristisch, dann intoniert er ein Stück von Jimi Hendrix und sampelt Stimmen ein. In zwei Songs begleitet Marc Ribot den Sänger auf der elektrischen Gitarre. "Mindjoke" hat liedhaftes, geradezu fröhliches Flair, ist beschwingt und locker, wie eine Landparty kurz vor dem Sonnenuntergang, wo diese einzigartige Stimmung sich über den Tag neigt. Bobby McFerrin kommt mir in den Sinn.
"Insanology" im Kontrast dazu, später auf der CD, rockt geradezu.
Die Gesangsarrangements sind phantastisch, um nicht zu sagen wunderschön. Nach dem lebhaften Flair des Sonnenunterganges, der einen Hauch Melancholie in sich trägt, folgt eine sakrale Note, die keineswegs düster oder streng klingt, sondern herzhaft und locker.
Die Jazz-Scats in Hendrix' "Crosstown Traffic" klingen wie ein Mahlwerk. Wie viele Gesangslinien mag Boris Savoldelli da übereinander gelegt haben?
Savoldellis Stimme ist kraftvoll und hell, hat ein starkes Gefühl für den sauberen Transport von Harmonie und Melodie, kann schräg klingen und coole Scats einbringen. Im afrikanisch klingenden "De-toxic hatefull" bauen sich hohe Stimmen übereinander, während "Crosstown Traffic" die Solostimme oben trägt und tiefe Stimmen den Scat-Raum ausmalen lässt.
Die CD ist zwar nur 31 Minuten lang, dennoch aber eine unbedingte Empfehlung für Freunde vokaler Klänge. Kompositorische Vielseitigkeit, tolle Arrangements, klare Stimmen und witzige Ideen machen die Musik sehr kurzweilig. Nicht ein Track ist misslungen oder langatmig, die Auswahl ist, wie gesagt, wunderschön. Mein Favorit ist das melancholisch jazzige "In the seventh year", das klingt, als sei es in den 1960ern eingesungen worden. Nichts daran ist altbacken, der Stil hat diese einzigartige Jazznote. Toll!

Solo voce. E di voce ne ha, l’uomo.
Le canzoni composte da Boris Savoldelli nel suo CD “Insanology”, sono state arrangiate per sola voce e cantate dallo stesso artista utilizzando suoni onomatopeici e testi che si fondono in un coro che, in armonia col brano, talvolta si mantengono costanti dall’inizio alla fine, disinvolti e rilassati; talvolta giocano su un’interpretazione folkloristica e talvolta si lanciano in un brano alla Jimi Hendrix sfaccettandosi in un ventaglio di registrazioni sovrapposte.
In un paio di canzoni, ad accompagnare la voce del cantante, è la chitarra elettrica di Marc Ribot. Il brano “Mindjoke” ha il tocco di una ballata, quasi addirittura gioioso: è allegro e disteso come una festa di campagna poco prima del tramonto, dove i lieti spiriti della giornata si eclissano a poco a poco: mi fa un po’ venire in mente Bobby McFerrin. In contrasto con questa attitudine, il brano “Insanology” che si trova poco dopo nel CD, è invece decisamente rockeggiante.
Complessivamente gli arrangiamenti sono fantastici, per non dire meravigliosi. Dopo l’allegra atmosfera del tramonto, che si porta dietro un leggero alito di melanconia, segue una nota sacrale che però riesce a non suonare affatto più drammatica o più rigida, ma invece più cordiale e serena.
Gli scatti jazz dell’hendrixiana “Crosstown Traffic” risuonano invece come una macina… chissà quante linee vocali avrà inciso Savoldelli in questo brano, sovrapponendole una all’altra? La sua voce è vigorosa e chiara, e trasmette una forte sensazione di trasporto, con grande pulizia sia nell’armonia che nella melodia: a tratti risuona obliqua mentre a tratti si lancia in scatti decisamente briosi.
Ad esempio, mentre nell’africheggiante “De-toxic hatefull" gli alti vocalizzi si costruiscono l’uno sull’altro, in "Crosstown Traffic" l’assolo di voce si proietta verso l’alto lasciando che voci più basse costruiscano al di sotto un tappeto di scat.
Sebbene il CD sia lungo soltanto 31 minuti è assolutamente consigliato a tutti coloro che amano le sonorità vocali: la versatilità compositiva, gli arrangiamenti accattivanti, le voci squillanti e le idee spiritose rendono questo lavoro veramente affascinante ed eterogeneo.
Neanche una di queste tracce manca il bersaglio, né è troppo lunga né troppo corta e la varietà presente nel disco è, come già detto, meravigliosa.
Il mio brano preferito è il melanconico jazz di “In the seventh year”, il cui sound risuona un po’ come se fosse davvero stata cantata negli Anni ’60. Non c’è proprio niente di già sentito qui dentro e lo stile è quello di questa unica e straordinaria nota jazz. Magnifico!
Volkmar Mantei - www.ragazzi-music.de - 25-01-2009
Nous avions découvert Boris Savoldelli à la parution de la chronique de l'excellent Holzwege de son groupe Società Anonima Decostruzionismi Organici, plus connu sous le nom de SADO. L’Italien avait impressionné par sa technique et son timbre de voix irréprochable. Après avoir étudié avec Elizabeth Sabine, le professeur de chant de Michael Bolton et d'Axl Rose, excusez du peu, au début des années quatre-vingt, il se passionne pour le chanteur d’avant-garde Demetrios Stratos en apprenant la diplophonie, la triplophonie et même la cryptophonie, techniques extrêmement complexes de la voix. Bref, Boris est un crack et le prouve sur ce premier album solo intitulé Insanology et composé uniquement de sa voix superposée en plusieurs exemplaires, à l’exception de deux titres : « Mindjoke » et « Insanology » réalisés dans deux versions avec et sans la présence du guitariste Marc Ribot. S’y intègre également une reprise audacieuse et judicieuse du « Crosstown Traffic » de Jimi Hendrix. Sur des textes de son ami Alessandro Ducoli, le chanteur déploie tout son art, passant sa voix dans de nombreux effets, superposant les couches, les rythmes et reproduisant parfois certains instruments à la manière d’un beatboxer. Quand bien même ce travail s'avère irréprochable du point de vue de la démarche artistique et du résultat incontestablement très propre et ingénieux, la limite se justifie elle-même finalement à capter davantage l'attention. A considérer ce premier ouvrage en solo comme une carte de visite élégante, dans un très beau digipak, une facétie de musicien mettant en avant son talent de manière ludique. Tel un slogan : « Savoldelli, ça vaut l’détour ! », pour la découverte simplement.
Aleksandr Lézy - www.progressia.net - 24-01-2009
Boris Savoldelli - Insanology -
Boris contacted me a few months ago, as I review for Leonardo Pavkovic and his Moon June label (who are his promoters) and asked me if I wished to hear his CD of solo vocal performances. Not my usual kind of thing then but I was intrigued when I heard that Boris only uses a looper machine and no musical instruments (except for 2 tracks which include Marc Ribot on guitars).and, in his own words, “The work starts from a mantric vision of each song, where overlapped loops of small harmonic and rhythmic patterns create the songs in an exquisite and complex balance. “
On watching Boris’ excellent video on Blip TV it turns out that Boris’ music has two components with ‘Insanology’ representing what he calls the ‘light side’. He also has what he calls a ‘dark side’ which stems from a love of free jazz and improvisation quoting inspirational figures like John Zorn and Ornette Coleman- indeed he sings in a jazz band called SAD as well as performing solo.
And what of the music on Boris’ CD? Well, I must say I really enjoyed it. Boris is an excellent singer who is obviously well in control of the technology. It is his voice not the technology that dominates and stylistically there is a great range and subtlety on the CD that keeps the listener’s interest right to the end. In fact I found songs like ‘Andywalker’ and ‘Moon Church’ very uplifting in different ways and also appreciated his cover of Jimi Hendrix’s ‘Crosstown Traffic’- not what you would expect at all!
Boris tells me that the dark side of his singing is due for release in an album recorded in NYC last September with guitarist-saxophonist-composer Elliott Sharp.
‘Insanology’ is perfect music for relaxing to but also works at a deeper level of appreciation- recommended!
Phil Jackson - www.the-rocker.co.uk - 09-01-2009
Boris Savoldelli - Insanology -
Insanology del cantante Boris Savoldelli è un cd senz'altro coraggioso. Si tratta di un cd basato esclusivamente sull'uso della voce e di loop ‘vocali' vari, senza che però questi ultimi prendano il sopravvento sulla prima. Savoldelli, figlio del nostro tempo, ama molto la tecnologia e ce lo dimostra, però la sa usare con intelligenza, gusto e senza mai lasciarsi prendere la mano: è solo un mezzo tecnico per assemblare gli intrecci vocali, permettere fraseggi ‘ritmici', ‘percussivi' o ‘fiatistici' che non fanno rimpiangere la mancanza di una band. Del resto Savoldelli è un musicista ben preparato con solidi studi alle spalle ed il lavoro qui svolto, sia a livello compositivo che di arrangiamento, è notevole e si intuisce ad un attento ascolto.
Siamo davanti ad un prodotto di sperimentazione, di avanguardia e di ricerca artistica, senza per questo risultare ‘pesante' o noioso, anzi sembra chiaro che Savoldelli si sia divertito molto, nel vero senso della parola, nel registrarlo. Il risultato è un prodotto fresco e piacevole.
Savoldelli si muove fra armonie blues (Bluechild), rap (Circlecircus), cubane (Mindjoke che vede tra l'altro la partecipazione del chitarrista Marc Ribot, - nel cui locale di N.Y. ha presentato in questi giorni il cd: funky con una versione di Crosstown Traffic di J. Hendrix, jazz con In the seventh year di Mark Murphy, suo insegnante, scritta appositamente per questo cd).
Da segnalare per ultimo i testi a firma di Alessandro Ducoli.__Sicuramente un bell'inizio.
Gaspare Bonafede - Jazzitalia - 09-01-2009
It's not Parker's "Anthropology" nor "Ornithology". It's Boris' "Insanology", one of the most intriguing vocal projects to come along in years. In this very challenging & adventurous album, the Italian singer performs alone in most of the songs - except for the title track and "Mindjoke", on which guitarist Marc Ribot guests. Like Mark Murphy, his teacher and adored idol, writes in the back cover: "Boris is one of the great undiscoverd preponents of simply superb singing and this CD proves it..." But Boris doesn't imitate Mark. He is his own man.
Through the use of electronic devices, Savoldelli is able to overdub his voice many times, creating stunning effects. Better: he sings with himself and creates his own choirs, reminding me of some of the best work by Urszula Dudziak in the 70s.
According to Boris' own words: "My CD is an experimental vocal project recorded using only a looper machine and no musical instruments, except for 2 tracks played by Marc Ribot on guitars.
The work starts from a mantric vision of each song, where overlapped loops of small harmonic and rhythmic patterns create the songs in an exquisite and complex balance."
Boris also wrote almost all songs, except Jimi Hendrix's classic "Crosstown Traffic" (one of Gil Evans' favorite tunes) and "In the Seventh Year" (Mark Murphy & Uli Rennert), my personal favorite track on "Insanology"; I swear I came to this conclusion at the first listening, before reading on the liner cover that my dear friend Mark was the composer.
"An arresting mix of painstakingly overdubbed vocals, human beatbox effects, African-inspired choral music, plus the odd visit to the world of Jimi Hendrix," says Chris Parker (on the Vortex website) about "Insanology", one of the best vocal albums of the year.
Arnaldo DeSouteiro - Jazz Station, http://jazzstation-oblogdearnaldodesouteiros.blogspot.com/2008/11/cd-of-day-boris-savoldelli-insanology.html - 07-12-2008
Very few singers pick up the thread that Bobby McFerrin left behind. It is, after all, no mean feat: overdubbing yourself end creating entire choirs and imitating instruments. On his début Italian singer Boris Savoldelli does all this, using electronic equipment. In the opening track the association with McFerrin and his vocal rhythms is great. But Savoldelli takes it a step beyond. He offers a joyful calypso (Mindjoke, featuring guest guitarist MR), an original Jimi Hendrix cover (Crosstown Traffic, with great human beatbox effects) and even a piece of distorted crooning (In the seventh year, a piece by his master Mark Murphy). Besides this being incredibly clever it is also highly catchy. If this record were released by a major record label, it might have been a surprise hit.
Herman Te Loo - Jazz Flits (Holland) - 06-12-2008
Welcome to the tower of song when all is voice and voice is all
When it comes to the a cappella architecture in the realm of popular music the obvious reference points would be such harmony kings as Brian Wilson and Bobby McFerrin, but once the layers of this album's opener, "Andywalker", flow in, one instantly recognizes the Apenninian progressive style. It takes some concentration to notice there's no other instruments involved save for maestro Savoldelli's vocal chords, and even the title track and the Mex-country of "Mindjoke" embellished with Mark Ribot's lines can be heard without the guitarist's contribution. The multi-tracked voice is dancing around - in "Circlecircus" it's sun-speck-like, in "Bluechild" it's gospelly spectral. Yet there's a lot of soulfulness in the hectic "Crosstown Traffic" and the croon of "In The Seventh Year", a present to Boris from the old jazz guard, Mark Murphy. Overall, it's a mindbending and extremely sensual experience that's impossible not to love.
Dmitry M. Epstein - www.dmme.net - 29-11-2008
An arresting mix of painstakingly overdubbed vocals, human beatbox effects, African-inspired choral music, plus the odd visit to the world of Jimi Hendrix (an extraordinary version of ‘Crosstown Traffic’), Insanologyis a largely solo album (although two tracks feature tasty contributions from guitarist Marc Ribot) featuring the quite remarkable Italian vocalist Boris Savoldelli. A quick (although lazily inaccurate) way of describing some of this music would be to suggest that it sounds as if Ladysmith Black Mambazo had adopted the techniques utilised by Bobby McFerrin in his solo live performances, but Savoldelli is a genuine original, wholly in command both of his material (self-penned, save for the aforementioned Hendrix piece and ‘In the Seventh Year’ by Mark Murphy and Uli Rennert) and of the various electronic gizmos (the cover shows Savoldelli’s foot pressing an FX pedal) with which he creates his ‘choirs’. A thoroughly beguiling, fascinating album from a unique talent, truly, as Mark Murphy says, ‘one of the great undiscovered proponents of simply superb singing’.
Chris Parker - www.vortexjazz.co.uk - 28-11-2008
Le ugole nascoste di BORIS THE SPIDER. Le avventure di un vocalist prodigioso che dal Lago d’Iseo è volato nella Grande Mela per unirsi a Zorn, Ribot e Sharp
Dicono abbia composto il brano mentre era in giro ad ubriacarsi insieme a Bill Wyman. La fantasia dei due bassisti, lubrificata da scotch e gin, di colpo pare incendiarsi producendo un’improbabile serie di nomi stravaganti associati, in modo casuale, ad altrettanti animali.
«Che ne dici di Boris il ragno?», chiede John Entwistle, detto The Ox, il bue.
«Geniale!», gli risponde il collega dei Rolling Stones.
Nasce così, in un’alcolica notte londinese del 1966, la leggenda di Boris The Spider, il più famoso tra i pezzi degli Who non composti da Pete Townshend. Oggi, a oltre 40 anni di distanza da quegli eventi, il mito di Boris il ragno rinasce al di qua della Manica. Stavolta gli Who non c’entrano nulla, né tantomeno hanno a che farci il whisky, la fantasia di altri bassisti o le torbide acque del Tamigi (sostituite, nel nostro caso, da quelle non molto più cristalline del Lago d’Iseo, sponda bresciana). Ma lui, Boris il ragno, quando entra in azione appare «creepy and crawly» proprio come Entwistle lo ritrae nel ritornello della sua celebre canzone. Filiforme, vestito di nero, con capelli corti sparati e vezzosi occhialetti rettangolari, Mr. Savoldelli on stage è una presenza inconfondibile: seduto su una sedia e spesso chinato a manovrare tra pedaliere, effetti e marchingeni vari, assume fattezze e postura aracnoidi. Anche se, a stupire, non sono le sue pur notevoli doti sceniche. Armato di un microfono Neumann KMS 150 e di una loop station, Boris costruisce, con il solo utilizzo della voce, base ritmica, linea di basso, accompagnamento e armonie andando a creare (come per incanto) una composizione completa su cui s’innestano variazioni, improvvisazioni, assolo. Ma non è finita. Lui, come un mago dal suo cilindro, è capace di cavar fuori da quel magic box non conigli bianchi ma centinaia di ugole nascoste. E, che il pezzo in questione sia un classico del rock o una sua bizzarra composizione, l’effetto è sempre garantito.
L’«uomo ragno» ha iniziato a tessere la sua ragnatela vocale nel 1999 dopo aver inciso un album tributo a Jack Kerouac. «Furio Sollazzi, un amico pavese», ricorda Boris, «mi ha detto: ma come, dedichi un lavoro a un maestro della parola come Kerouac e non ci metti neanche un brano per sola voce?». Detto, fatto. Boris acquista una looper machine, inizia a sperimentare e, nel giro di qualche anno, il suo talento decolla. Se ne sono accorti anche i cultori di nuovi suoni che, lo scorso 9 settembre, hanno gremito The Stone, il tempio newyorchese dell’avanguardia post jazz creato da John Zorn. Lì, Boris “Spiderman” Savoldelli ha condiviso il palco con Elliott Sharp dando vita a due set folgoranti. «Ho appena ricevuto una mail di complimenti dallo stesso Zorn», dice Boris con malcelato orgoglio. «Ha saputo che la serata dello Stone è stata un grande successo. Questa opportunità è nata grazie all’amicizia con Marc Ribot che, dopo aver partecipato al mio album Insanology, ha promosso la mia musica nella comunità artistica newyorchese».
Elliott Sharp, chitarrista/compositore, da sempre in mirabile equilibrio tra musica classica, punk, jazz e avantgarde, aderisce subito al progetto dell’“Uomo ragno” quando i due s’incontrano a New York City, a Natale del 2007. «Grazie a questi contatti ho conosciuto il proprietario del Downtown Music Gallery, uno dei più prestigiosi negozi di dischi d’America, a cui è piaciuto il mio album e che lo ha promosso molto bene. Quindi ho fatto avere una copia di Insanology anche a John Zorn. Non ho potuto dargliela personalmente ma l’ho lasciata in uno scatolone che usa per raccogliere il materiale che riceve. Neanche due settimane dopo mi arriva una email in cui si complimenta con me e mi incoraggia a continuare nel mio lavoro. Non ci potevo credere». Da lì, tra i due, inizia un fitto scambio di corrispondenza. Boris manda diverse idee musicali che Zorn analizza, commenta e corregge. Fino a sponsorizzarne un’esibizione al The Stone. «Lunedì 8 settembre, il giorno prima del concerto», racconta Savoldelli, «io ed Elliott Sharp ci siamo rinchiusi in studio e abbiamo registrato il materiale del nostro prossimo disco».
Trentotto anni, nato e cresciuto a Pisogne (piccolo comune all’estremità meridionale della Val Camonica, sulle rive del Lago d’Iseo), Boris Savoldelli viene da una famiglia musicale. «Sia mio padre che i miei zii sono musicisti», spiega, «quindi sono stato immerso nelle note sin da piccolo. Ho studiato pianoforte, batteria, tromba (lo strumento di mio zio) e anche il basso. Tutti questi aggeggi sonori mi piacevano ma nessuno ha fatto scattare in me la scintilla. Verso i 16 anni ho iniziato a cantare anche perché nelle band della zona mancavano i cantanti e quindi c’erano molte opportunità A 17 anni ho cominciato a studiare: prima canto lirico (per tre anni) e poi pop, rock e jazz. Ho capito che era la cosa che mi veniva meglio. Tra i miei maestri cito senza dubbio Mark Murphy, uno dei più grandi jazz singer di sempre, con cui ho fatto seminari e lezioni e che oggi è un grande amico». Ma è Demetrio Stratos il cantante che Boris ha nel cuore. «Ho ascoltato gli Area grazie a mio cugino. La voce di Demetrio è stato l’elemento che mi ha subito attratto. Quando ho iniziato a studiare, mi sono accostato al Demetrio solista, quello delle formidabili sperimentazioni. E non me ne sono staccato più». Se, anche voi, volete rimanere impigliati nella tela vocal-acustica di Boris The Spider cliccate su www.myspace/borisinger, visitate il suo web site www.borisinger.eu e ascoltate Insanology. Ne vale la pena.
Ezio Guaitamacchi, rubrica Good Vibrations, Jam di Novembre 2008
Ezio Guaitamacchi (Good Vibrations) - Jam, Novembre 2008 - 08-11-2008
Vox News from All About Jazz New York
Italian musician Savoldelli tests the bounds of imagination on this release, using electronics effects, layered vocal percussion and harmonies, guitar (by Marc Ribot) and spoken word – all of it in both Italian and English. It’s an inspired mishmash of musical stuff, but hardly lacking in sense (as the CD title might imply): Savoldelli knows every moving piece of this elaborate puzzle and has one of those round, powerful voices the Italia singers knows for and he receives the ringing endorsement of Mark Murphy,

Suzanne Lorge - All About Jazz New York, november 2008 - 07-11-2008
Boris Savoldelli and Elliott Sharp Live at The Stone. New York City
Making his New York debut, the Italian singer Boris Savoldelli initially appears as a forgetter of words, covering the floor in front of his stool with sheets of lyric fragments. In the end, he doesn't seem to need them, as he constructs dense layers of vocal loops with his real-time sampling foot-pedals. The first half of Savoldelli's set represents some of the more populist sounds to be heard within this home of experimental music: even though he's improvising complete song-formations, he's building them up in the Bobby McFerrin manner, but utilising current real-time sampling techniques. Savoldelli's imitating the sound of drums, bass, strings and the like, then logically concluding with a series of pop-sweet singing overlays. The methods might be adventurous, but the finished songs are very commercial. Savoldelli is mainly influenced by scat-jazz structures, but also includes elements of progressive rock and even Sardinian polyphonic choral singing. He succeeds in a form of avant pop that can't help being viewed in contrast to what Savoldelli considers to be his 'darker side.' This second part of the evening involves a collaboration with New York guitarist Elliott Sharp, within a completely improvised framework. It's necessarily surprising, as Sharp sets out to demonstrate the sonic diversity that lies within his many-stringed, custom-built beast. Employing a range of pedals and tools, he veers from tender filigree to howling feedback, packing in a multitude of textures, densities , abstractions, riffs, solos, sampled bass repeats and sampled clunks. Savoldelli is twitching violently, tapping his larynx in the name of vibration, manipulating his own sampled tones into wobbled pitch-waverers. He picks out linear lines, then jumps off into random abandon, and again, even though some of the pair's music is extreme, Savoldelli always maintains an accessibility that could reward him with an appeal to those who don't regularly traverse these shadowy pathways. It was a fine night for both the audience and Savoldelli, who was visibly thrilled that his mentor-figure and prime influence Mark Murphy was in attendance.
Martin Longley - http://www.allaboutjazz.com - 13-10-2008
Boris Savoldelli Insanology
Italian vocalist Boris Savoldelli is something else. His CD “Insanology” (Mousemen) has minimal and sometimes no instrumental accompaniment. Boris multitracks, loops and arranges his vocals for an aural symphony that is as much in the lineage of Brian Wilson as it is of Bobby McFerrin. Every track is its own universe, ranging from quasi-Reggae to Progressive Rock to an anything goes adventure. This is fine music and Boris is a fine vocalist. I usually balk at acapella vocal performances. But this one is so musical and well conceived, it hit me from the moment I put it on my player.
Greg Edwards - www.gapplegate.com - 27-09-2008
Voce e Musica da vedere
Ipnotica è la voce di Boris Savoldelli che, mercoledi 9 settembre, ha dato prova della sue esilaranti creazioni al The Stone, locale culto dell'avanguardia newyorkese, dove si è esibito come solo vocalist e in compagnia del chitarrista compositore Elliott Sharp.

Le armonie di Boris vanno dal jazz al rock, dal gospel al pop, con testi in italiano e in inglese, che impressi su fogli sparsi sul pavimento, gli dettano una trama dal linguaggio fantastico. Uno spettacolo tutto a vedersi, oltre che a sentirsi...

Tra microfoni e looper, movimenti da abile contorsionista, si ottiene un reverbero meravigliosamente naturale. Ma Boris precisa: "Premetto che non sono un tecnico del suono, ciò che uso è stato scelto perché risponde esattamente a ciò che desidero sentire in quel preciso istante quando mi esibisco dal vivo. Altra cosa riguarda le registrazioni in studio. Lì mi affido totalmente all'ingegnere del suono che, bontà sua, deve essere in grado di dare forma sonora a ciò che ho in testa". A Piero Villa e David Bollini, dello studio di registrazione Rumore Bianco, spetta dunque l'arduo compito di registrare in questo avventuroso viaggio newyorkese.

Continuatore di una tradizione di spregiudicati sperimentatori, che va da Demetrio Stratos a Bobby McFerrin, Boris utilizza la voce e il corpo umano al pari di uno strumento musicale. Insanology, il suo primo cd solista uscito nel 2007, è infatti realizzato interamente con la voce, alla costante ricerca di nuove interpretazioni. Un cantato a cappella supportato dal solo ausilio di un looper, per creare intrecci ritmico-armonici circolari. Nessuno strumento aggiuntivo, eccetto la presenza del grande chitarrista Marc Ribot in due brani e la registrazione di un brano inedito di Mark Murphy, che lo stesso ha voluto regalare a Boris. Nel 2008 pubblica per AMS/BTF, con la Deconstructing MetaJazz Band SADO, l'album dal titolo Holzwege e, per la Banksville, con la side project band MHMM, l'album di BluesCore dal titolo Do Not Disturb (www.borisinger.eu).

Ma come si definise Boris e come definisce la sua musica? "Sono eclettico, passionale e creativo. Lo stesso vale per la mia musica perchè mi riflette".

Il bresciano, infatti, approccia sin da piccolo il mondo musicale. Studia canto lirico con Simona Marcello e canto moderno con Elizabeth Sabine (vocal teacher di Michael Bolton e Axl Rose) e Jeffrey Allen. Alla Universitat fur Musik di Graz in Austria studia con Maurizio Nobili e col suo idolo di sempre, Mark Murphy, che martedi lo ha onorato della sua presenza al The Stone. Nel 2002 partecipa ad un voice workshop sulle tecniche vocali utilizzate nelle diverse culture extraeuropee, tenuto da Sef Townsend a Dublino, e nel febbraio del 2004 ad uno Scat-Lab, tenuto da Jay Clayton a New York. Pubblica numerosi cd con diverse formazioni; si esibisce in differenti contesti live, tra cui Sanremo Rock, Premio Musicultura (ex Recanati) come finalista con i Brother K, Miles Jazz Bar di Graz, Miceli's di Hollywood, Charlie O's di Los Angeles.
Michelina Zambella - Oggi 7, magazine domenicale di America Oggi - 23-09-2008
Music made up entirely of vocal sounds is almost certainly the oldest in human history. From Renaissance madrigals to gospel quartets and the Balinese Monkey Chant, the variety is staggering. This earliest of forms got a boost around 1950, when multitrack technology allowed one singer to record all the parts; a new aesthetic blossomed among artists as disparate as Patti Page and Brian Wilson. Finally, the advent of digital sampling and looping technology enabled one singer to perform all parts and to do so live, which brings us to Italy’s Boris Savoldelli.
Savoldelli’s avowed influences take in Deep Purple’s Ian Gillan, Bobby McFerrin and Demetrio Stratos (of semilegendary Italian prog band Area). On Insanology, his 2007 CD, Savoldelli evokes the Beach Boys on the title track, covers Jimi Hendrix’s “Crosstown Traffic” and leaves the pop realm behind in the harmonically dense “In the Seventh Year.” The closing song, “Io,” bounces fragments of chords and melody back and forth between voices, in a manner reminiscent of hocketing, a medieval technique. If all this sounds frantically eclectic, it is—but in a way that recalls Carl Stalling’s jump-cut compositional style for Warner Bros. cartoon soundtracks. Savoldelli’s methods of layering and juxtaposition provide a stylistic unity even as he draws on disparate genres.
This New York performance includes guitarist Elliott Sharp, whose aesthetic is every bit as wide-ranging as Savoldelli’s. The Stone will provide a relatively austere setting for what promises to be a technically dazzling, musically engaging show.
BOB BANNISTER - Time Out New York - 15-09-2008
Malgrado il bresciano Boris Savoldelli, apprezzato anche negli USA, si esibisca spesso con un quartetto, qui realizza un progetto diverso. Sovraincidendo strati su strati della propria voce, tessendo con alcune di queste linee vocali le ritmiche, nello stile nero dello “scat”, su varie tonalità, e poi cantandoci sopra i suoi testi in italiano ed inglese, Boris realizza un lavoro pregevolissimo, a tratti al limite del geniale, e se ‘Insanology’ può essere considerato anche un lavoro di sperimentazione, beh, io credo sia prima di tutto un bel disco pop. Niente strumenti, dunque, se non la chitarra ospite di Marc Ribot in due sole tracce, e per il resto solo e soltanto voci su voci sovraincise e/o mandate in loop, senza che restino buchi o spazi vuoti, ed è un piccolo miracolo riuscito, perché un disco tutto vocale che non stanchi, forse neanche i Platters e gli altri attrezzati gruppi doo-wop neri degli anni 50/60 lo hanno mai rischiato. Forse all’epoca era più difficile, ma il pedale del delay, oggi, collegato ad un microfono, con le battute vocali mandate in loop, può aiutare molto, se uno è bravo a cantare come Savoldelli, che riesce a coprire, con le corde vocali, tutte le tonalità che gli servono, dalle più basse al falsetto. Molto doo-wop, ma anche arie mediterranee, attacchi da crooner anni 50, un paio di brani in stile gregoriano, ma soprattutto modernità ed originalità convertite da strutture tipiche dell’elettronica; una cover – non riuscita granchè, per la verità – di ‘Crosstown Traffic’ di Jimi Hendrix, ed una incantevole, mozzafiato ‘Bluechild’, che dovete ascoltare assolutamente, perché commuove anche le pietre. Coraggiosa anche la scelta di cantare molto in italiano, malgrado l’album ed i concerti autunnali si rivolgeranno anche al mercato americano. Ma cento Neri per Caso, non fanno un Boris Savoldelli.
Fausto Turi - Freak Out OnLine - 13-09-2008
Boris Savoldelli - Insanology -
Demetrio Stratos diceva che gli strumenti musicali altro non sono che il tentativo di imitare la voce umana, e Insnaology, nel suo prescindere quasi completamente dagli strumenti musicali, sembra prendere il là proprio da questa a ffermazione. Boris Savoldelli, artista giovane ma già con parecchie esperienze musicali alle spalle, confeziona infatti un album di sola voce: dodici tracce, trenta minuti, in cui aiutandosi con un looper stende una sull’altra innumerevoli tracce vocali, guidato principalmente da “un’idea mantrica dei brani, dove la ripetizione continua di brevi porzioni armoniche e ritmiche, sovrapposte le une alle altre in un delicato equilibrio ritmico-armonico, creano il brano. Detto così c’è di che spaventarsi. In realtà Insanology è un lavoro che parte da presupposti fortemente sperimentali, ma in cui la sperimentazione è messa completamente al servizio dell’ascoltatore: quasi a comporre un ideale compendio di applicazioni pratiche, Boris si cimenta infatti con sonorità fortemente aderenti ai generi musicali più comuni (soul, blues, latin, gospel, rock) e per questo perfettamente riconoscibili. La voce pulita di Savoldelli si piega così alle varie esigenze espressive, facendosi anche ritmica rassicurante per gli intrecci che si sviluppano incessantemente in superficie. È questa la chiave di un album che nonostante le premesse vuole e riesce ad essere un album “per tutti”, in cui l’ascolto scorre via senza intoppi e a dire il vero senza neanche troppi giramenti di testa. Per l’ascoltatore in cerca di scossoni, giusto la conclusiva Io? Arriva a conferma che nelle corde di Savoldelli alberga anche un atteggiamento schizoide, possibile trmapolino (ci auguriamo!) da cui ripartire verso altri progetti. Da segnalare la presenza in scaletta di una cover di Hendrix, Crosstown Traffic, e quella tra i credits del chitarrista newyorkese Marc Ribot (già con Fred Frith, John Zorn eTom Waits) in due brani.
Paolo Carnelli - Wonderous Stories, numero 13 Luglio 2008 - 20-07-2008
Insanology's review form Holland

The so called looping is not just being brought into action to program instrumental patterns live in such a way a hypnotic foundation comes into being, it is also very suitable for vocals. A singer like Patrick Watson uses this principle many times as an effect, while on Insanology Boris Savoldelli reveals himself as a modern variation on Bobby McFerrin and Al Jarreau. These jazz-singers create their own rhythm-sections and backing-vocals with brilliant voice-acrobatics and the use of their body as percussion-instrument. Savoldelli, who was previously active in a couple of jazz-rock- and fusion-bands, in fact does the same, on the understanding that he builds up his own accompany through electronics. Only on two tracks he’s being supported on guitars, played by the avant-garde musician Marc Ribot, tracks however which are also being added as bonus-cuts without that support. The slightly more than half an hour lasting CD is being filled with close-harmony, gospel, funk, jazz and pop, but all with a firm wink. Alternately there’s being sung in English, Italian and a fantasy-language which fits well with this genre. It’s interesting this CD closes with the experimental Io?; the readers of iO Pages should see this as a cryptic question, for which each should try to find the solution by themselves.
Information: http://www.borisinger.eu
Published in iO Pages, nr. 80, May-June 2008. Website www.iopages.nl
René Yedema


I cosiddetti looper non debbono necessariamente essere utilizzati solo per programmare pattern strumentali dal vivo e creare in questo modo effetti ipnotici, possono funzionare anche per i cantanti. Cantanti come Patrick Watson usano spesso looper come effetto, mentre nel suo Insanology Boris Savoldelli si rivela come una sorta di versione moderna di Bobby McFerrin e Al Jarreau.
Questi maestri del canto jazz sono soliti creare delle sessioni ritmiche e dei cori utilizzando vere e proprie acrobazie vocali ed utilizzando il loro corpo come uno strumento a percussione. Savoldelli, già da tempo attivo con alcune band a cavallo tra il jazz, il rock e la fusion, fa sostanzialemente questo tipo di cose, in solitudine e con il solo ausilio di alcuni accorgimenti tecnologici (una looper machine). Solo in due brani del disco è supportato alle chitarre dal musicista dell’avanguardia newyorkese Marc Ribot. Tracce, queste, che compaiono sul disco anche in una bonus version per sola voce. Il disco, della durata di poco più di una mezz’ora, è composto da armonie che rimandano ora al gospel, ora al funk piuttosto che al jazz o al pop, ma tutte con una forte connotazione e personalità. I testi spaziano dall’italiano all’inglese in una sorta di linguaggio fantastico che funziona molto bene nel contesto. É interessante notare che il cd chiude con un brano sperimentale dal titolo Io?: I lettori della nostra rivista iOPages potrebbero interpretare il brano come una sorta di domanda criptica, per la quale ognuno può provare a trovare una soluzione che meglio gli aggrada.
Per informazioni: www.borisinger.eu
Pubblicato su iOPages, nr 80, Maggio-Giugno 2008. Web site: www.iopages.nl
Renè Yedema


het zogenaamde looping wordt niet alleen ingezet om instrumentale patronen zodanig live te programmeren, dat een vaak hypnotiserende onderlaag ontstaat, ook vocalen zijn hiervoor uitstekend geschikt . een zanger als patric Watson gebruikt dit principe regelmatig als effect, terwijl Boris savoldelli zich op insanology ontpropt als een moderne variant op Bobby mcferrin en Al jarreau .deze jazzzangers creëren met geniale stemacrobatiek en het gebruik van hun lichaam als percussie-instrument hun eigen ritmesecties en achtergrondvocalen savoldelli, voorheen actief in enkele jazzrock- en fusionbands, doet in feite hetzelfde, met dien verstande dat hij via elektronische weg zijn begeleiding zelfstandig opbouwt . slechts op twee nummers krijgt hij ondersteuning op gitaren van de avant-gardistische muzikant marc ribot, tracks die evenwelzonder die ondersteuning als bonussen zijn toegevoegd . het half uurtje wordt gevuld met close harmony, gospel, funk, jazz en pop, maar allemaal met een stevige knipoog . er wordt beurtelings in het engels, italiaans en een goed bij dit genre passende fantasietaal gezongen . interessant is dat de cd wordt afgesloten met het experimentele io?; een cryptisch vraagstuk, waarvan ieder voor zich de oplossing moet vinden
http://www .borisinger .eu .
René Yedema

René Yedema - www.iopages.nl - 28-05-2008
Boris Savoldelli - Insanology -
Il bresciano Savoldelli, classe '70, è un vocalist che molto ha studiato (in ambiti diversi come lirica, jazz, etnica, avanguardia) e molto ha tentato (in chiave rock cogli Ultimatum, funk coi No Way Out, sperimentale coi Kamakiriad, fusion coi Funky Jackets, più obliquamente cantautoriale coi De-Generation Beat...), portando l'ugola in giro per il mondo ad incrociare esperienze con calibri quali Mark Murphy e Jay Clayton tra gli altri. Il debutto solista lo vede quindi già talmente maturo da consentirgli un approccio più che disinvolto, anzi autoironico, a rendere oltremodo gradevole l'ascolto di questo Insanology, disco perlopiù “vocalese” ovvero strutturato sulla sola voce di Boris abilmente scomposta e giustapposta su diversi canali (un plauso a Paolo Filippi per il missaggio).
Ne escono imprendibili astrazioni come In The Seventh Year (pezzo firmato e regalato da Murphy) e rapimenti monodici beachboysiani (Moonchurch), hip hop sprimacciati (Circlecircus) e suggestici quadretti dagli echi afro come il Paul Simon di Graceland (De-Toxic-Hatefull), rumbe dalla intossicata festosità (Abdywalker) e impetuose trepidazioni gospel (Bluechild), per non dire della serrata versione funky dell'hendrixiana Crosstown Traffic. Impreziosisce il tutto l'intrusione di Marc Ribot nientemeno con deliziosi arpeggi calypso nella languida arguzia di Mindjoke e con rifrazioni febbrili tra i singulti umorali della title track.
Buon disco insomma, intelligente perché disarma in nuce ogni pretenziosità perseguendo uno scazzo arguto per ogni sofisticazione. Peccato per l'ineluttabile timbro da bravo ragazzo che lo rende un po' anello di congiunzione tra Bobby McFerrin, Mike Patton e i Neri Per Caso, per il nostro comunque divertito sconcerto.
Stefano Solventi - www.sentireascoltare.com - 15-05-2008
Boris Savoldelli - Insanology - 4 Stelle - 4 Stars
Secondo Demetrio Stratos gli strumenti musicali erano imitazioni della voce umana. La stessa filosofia che anima questo artista bresciano, che dopo diverse esperienze anche estere giunge al traguardo del primo disco con la benedizione del grande jazzista Mark Murphy, che gli dona addirittura un inedito, “In the seventh year”. A parte un’altra cover (“Crosstown Traffic” di Jimi Hendrix), il disco è tutta farina del sacco di Savoldelli, che lo realizza esclusivamente con voce e loop. Uno solo, ma prestigioso, l’ospite: il chitarrista Marc Ribot, che appare su “Mindjoke” e “Insanology”.

Da non perdere: “Bluechild”
Mario Giammetti - Rockstar aprile/maggio 2008 - 14-05-2008
Boris Savoldelli - Insanology
Insanology è l’album di debutto come solista del singer Boris Savoldelli (attualmente cantante dei SADO, Società Anonima Decostruzionismi Organici), che nel suo curriculum ha già all’attivo varie collaborazioni, a partire dalla fine degli anni ’80. Ma quello che ha maggiormente caratterizzato Boris è stato lo studio del canto, che lo ha portato a fare esperienze molto importanti e il peso di tutto questo emerge con forza da questo disco.
Insanology è un disco sperimentale di dodici brani dove Boris con la sua voce fa tutto e solo in due tracce è accompagnato dalla chitarra di Marc Ribot (Tom Waits, John Zorn e molti altri), quindi il nostro usa la voce come uno strumento e il canto diventa l’occasione per mostrare tutta la gamma delle possibilità offerte dalla voce umana. Boris usa la voce come un mosaico, la incastra, la decompone e la ricompone, la fa diventare ritmo e melodia, prova e riprova e alla fine nascono dei brani altamente suggestivi. Detto così la cosa potrebbe “spaventare” un po’ il lettore, in realtà Boris ricerca soluzioni molto armoniche e piacevoli da ascoltare, non si tratta di vocalizzi esasperati e anche se i testi sono funzionali alle soluzioni armoniche adottate nei vari brani, l’ascoltabilità del disco è sempre molto buona. Il nostro è in possesso davvero di una grande abilità vocale e riesce a creare delle atmosfere di grande suggestione con le sue polifonie, le sovraincisioni e le ritmiche. Il jazz si mescola con i canti spiritual, con le musiche sudamericane, con quelle etniche africane, un disco dove modernità e tradizione si incontrano e si creano atmosfere altamente suggestive. La chitarra di Ribot è superlativa e i due brani in cui compare sono davvero notevoli, ma anche da solo Boris fa un gran lavoro, ascoltate la cover di “Crosstown Traffic” di Hendrix per credere.
Inutile aggiungere altro, Savoldelli è un artista impegnativo e appagante al tempo stesso, che mostra come l’arte possa e debba essere ricercata con soluzioni coraggiose e controcorrente.
Giancarlo Bolther - www.rock-impressions.com - 05-04-2008
Boris Savoldelli Mr Insanologo!!
La nobiltà musicale della voce umana, pari a qualsiasi strumento, è stata già dimostrata da grandi vocalist, da Demetrio Stratos a Bobby McFerrin. Boris Savoldelli si inserisce a pieno in questa tradizione di spregiudicati sperimentatori
vocali, realizzando un disco a cappella con la sola sua voce a far da leader e da coro. E mentre Alessandro Ducoli scrive i versi dal tono semiserio intrecciando italiano ed inglese con metrica che esalta il carattere ritmico dell'album, la presenza di
Marc Ribot in due brani impreziosisce il lavoro. Colpisce subito il carattere assolutamente personale del lavoro, cosa affatto scontata per il primo album solista. A qualsiasi genere musicale si voglia ascrivere (se proprio non se ne può fare a
meno), il disco del cantante bresciano è pura espressione di sé stesso. E questo è certo un ottimo inizio. La sincerità di scrittura, infatti, si percepisce dalla qualità emotiva dei brani, nonostante tra composizione ed esecuzione ci sia un gran lavoro d'arrangiamento. La lunga e formativa esperienza di Savoldelli permea le dodici
tracce, plasmandole di volta in volta ed aiutandolo a gestire la messe di ascendenze stilistiche. Il Rock irrompe suggerendo un'illustre cover di Hendrixiana
memoria (Crosstown Traffic) e, temperandosi ad un moderno feeling blues, genera Insanology che, grazie anche alla straniante chitarra di Ribot, risulta probabilmente il miglior momento dell'intero album. Ma la palma d'oro è contesa da Bluechild, che esplode tutta la potenza corale tipica del Gospel, e da Moonchurch, sorprendentemente simile alla forma del mottetto, non solo per l'aria da musica sacra, ma anche per l'utilizzo di testi differenti cantati contemporaneamente dalle diverse voci. Impressione altrettanto suggestiva fornisce In The Seventh Year, composta da Mark Murphy, con la sua armonia sospesa, e a testimonianza della mutabilità di look risponde la scanzonata Mindjoke (ancora con Ribot), dal respiro hawaiano, che delinea il tono ironico presente in gran parte del disco. Andywalker ha, invece, i tratti propri della composizione pop corale: linee vocali stratificate in basso, parti armoniche e voce principale, in un groove scandito enfatizzando i tempi pari della battuta. Nella successiva Circlecircus Boris si diverte a fare il verso, attraverso il suo apparato fonatorio, alle sonorità elettroniche (riprese poi in Crosstown Traffic), ma
intreccia anche con abilità linee melodiche di moto contrario (ascendenti e discendenti). C'è anche modo di apprezzare il suo falsetto in De-toxichatefull e in Io?, che chiude il cd con un magistrale gioco di sovraincisioni e pan-pot, in cui il testo si compone pian piano nel sommarsi delle voci. Un esordio, dunque, che conquista chiunque trovi nella musica il suo naturale habitat, e chi voglia trovar nel suo habitat buona musica...
Marco Leopizzi - Musicaround.net - 02-04-2008
Boris Savoldelli - Insanology -
È un progetto sperimentale, bizzarro e fantasioso, quello che il vocalist bresciano Boris Savoldelli presenta nel suo album d’esordio “Insanology”. Classe 1970, alle spalle già numerose collaborazioni, Boris è un virtuoso della voce, concepita e utilizzata come strumento seguendo l’insegnamento di Demetrio Stratos.
Ecco dunque un album realizzato interamente con la voce, alla costante ricerca di nuove interpretazioni: un cantato a cappella supportato dal solo ausilio di un looper, per creare intrecci ritmico-armonici circolari. Nessuno strumento aggiuntivo, eccetto la presenza del grande chitarrista Marc Ribot (che ha collaborato, fra gli altri, con John Zorn, Tom Waits, Lounge Lizard) in due brani.
Il risultato è un jazz-rock-funk fresco e frizzante, pepato con testi ironici firmati da Alessandro Ducoli. Si spazia dai ritmi ossessivi e concentrici di “Circlecircus” al calypso di “Mindjoke”, dalla verve di “Andywalker” alla cover in chiave funk della hendrixiana “Crosstown Traffic”, dal jazz classico di “In The Seventh Year”, brano scritto dal famoso jazzista newyorkese Mark Murphy, ai cori polifonici di intensa emotività presenti in “Moonchurch” e “Bluechild”.
Le vette più alte si raggiungono quando la sperimentazione si spinge più in là, allo stato puro come in “Io?”, o quando dà vita a validi e complessi intrecci canori su un letto di ritmi gioiosi e caraibici in “De-toxic-hatefull” e “Insanology”. Nell’album sono presenti anche due versioni completamente acustiche, senza il sostegno della chitarra, di “Mindjoke” e “Insanology”, in cui vengono ulteriormente esaltate le doti vocali e tecniche.
Dal vivaio pullulante della musica indipendente, un altro bel talento da scoprire.
Fabiana Bugno - www.tempi-duri.it - 31-03-2008
Boris Savoldelli. Voce da “grande”
Fa tutto con la voce, da solo, ma rende come e più di una band. Certo non gli mancano i collaboratori eccellenti: un chitarrista di prestigio come Marc Ribot, uno scrittore musicista come Alessandro Ducoli. Ma Boris Savoldelli basterebbe e avanzerebbe di per sé. Con i suoi canti e controcanti, con i filtri e con gli effetti, con le sfumature di un interprete che è innanzitutto un autore.
Bresciano, classe ’70, studioso di tecniche vocali fin dall’adolescenza, ha una formazione improntata all’apertura mentale, dal rock al funk, dal pop al jazz, dalla lirica alla sperimentazione. Varie e impegnative le influenze, da Demetrio Stratos a Bobby McFerrin, da Sting a Ian Gillan, da Paul Rodgers a Mark Murphy, che a sua volta considera Savoldelli “una voce superba, fra le più grandi e degne di essere scoperte” e per questo gli ha regalato una canzone contenuta in Insanology, album fresco di pubblicazione.
Irresistibile incrocio fra una sigla anni ’70 e un esperimento dei Manhattan Transfer, Andywalker è un’ottima prima traccia anche perché chiarisce subito il concetto. L’insanologia è materia divertente e sfiziosa. Orecchiabile e vitale, strizza l’occhio a Kid Creole (Circlecircus), fa venire voglia di ballare in riva al mare (Mindjoke), con la chitarra di Ribot che impreziosisce anche la title-track. Il manifesto dell’album non tradisce le attese, ma non sono inferiori Moonchurch, con il canto limpido di Boris che si fa coro e fa venire i brividi, e Crosstown Traffic, coraggioso omaggio a Jimi Hendrix. Bluechild, scritta insieme ad Alessandro Ducoli, è una preghiera alla luna, commovente e appassionata come un vecchio blues. Mark Murphy e Uli Rennert sono invece gli autori di In the seventh year, che jazza con sfrontatezza, in serenità, senza fretta. La chiusura di Io?, subito dopo le versioni spogliate di Mindjoke e Insanology, galleggia nelle orbite più suggestive. Fra i Quintorigo e gli Sparks. Coordinate insolite per una musica inafferrabile.
Gianpaolo Laffranchi - Bresciaoggi - 19-03-2008
Boris Savoldelli - Insanology -
Boris Savoldelli è un vocalist di Brescia che con Insanology realizza il suo primo album solista. Lo fa ponendo al centro dell’intero progetto la voce, concepita, sulle orme di artisti come Demetrio Stratos, come un vero e proprio strumento. Grazie alla sovrapposizione di varie tracce vocali, alcune con finalità ritmiche e altre con finalità melodiche, e all’ausilio di alcuni loop, Boris crea i suoi brani come dei veri e propri mantra, che si sviluppano ripetendo semplici cellule di base.
Nell’album, che vede la partecipazione di Mark Ribot alla chitarra su due tracce, confluiscono reminescenze blues, jazz e molto della tradizione etnica. E’ un progetto interessante e senza dubbio fuori dagli schemi comuni, che colpisce di più dove i brani sono costruiti non solo dal punto di vista della stratificazione ritmica delle parti e al servizio della vocalità, ma anche dal punto di vista della melodia generale. Bella quindi la sua versione di In the seventh year di Mark Murphy, ma colpiscono anche la sperimentale e virtuosistica Io? (che omaggia Stratos e che se fosse strumentale ricorderebbe i Gentle Giant) e una cover davvero particolare di Crosstown Traffic di Hendrix.
Giulia Nuti - www.ilpopolodelblues.com - 18-03-2008
Cantautore? Cantante? Risulta difficile dare una definizione di Boris Savoldelli, e forse quella che calza meglio è musicista e basta. Un musicista che fa tutto da solo e usa come unico strumento la propria voce, adattata, filtrata, usata con sapienza e arte. Tutto quello che sentirete in questo disco (con l’eccezione della chitarra di Marc Ribot in due brani) è frutto della vocalità di Boris Savoldelli.
“Insanology” è un disco fresco, piacevole, tutt’altro che di difficile accostamento, cosa che capita non di rado con progetti simili.
Grazie ad una serie di microfoni con i dovuti effetti, usati con perizia, il nostro ci offre un disco di grande effetto che punta su una serie di brani che non faticano a farsi largo nella testa attraverso i padiglioni auricolari.
C’è Mindjoke, che fa venire alla mente atmosfere caraibiche, e c’è una cover personalissima della Crosstown Traffic di Hendrix, e c’è la title track, che risulta un brano molto efficace. Per non dire dell’autentico capolavoro di Moonchurch, in cui le diverse voci di Savoldelli si rincorrono. E quando il disco finisce viene voglia di riascoltarlo dall’inizio.
Craz - www.circuitosonoro.it - 16-03-2008
Le Imperdibili Recensioni dell'Alligatore: Boris Savoldelli
Questa mattina mi sono svegliato ascoltando le dolci note di un incredibile cd musicale naturale dato alle stampe sul finire dello scorso anno: “Insanology”, di Boris Savoldelli.
Perché incredibile? Perché naturale? Perché suonato esclusivamente con la voce dell’artista bresciano, degno discepolo di Demetrio Stratos, secondo il quale gli strumenti musicali non sono altro che l’imitazione della voce umana.
Con una perfezione tecnica maniacale, molta ironia e il coraggio di mettere davanti a tutto la sua faccia, Boris crea un disco per niente modaiolo, ma non per questo noioso o da mettere nel polveroso scaffale dei cd d’avanguardia. Ad aiutarlo un bel gruppo tosto a partire dal chitarrista di culto Marc Ribot (amico e collaboratore di Waits, John Zorn e i Lounge Lizard, solo per fare tre nomi) presente in due brani, Mark Murphy, che ha regalato a Boris l’inedita “In the seventh year” e lo spirito di Jimi Hendrix per una cover spiazzante della sua “Crosstown traffic”.
Tra rock, jazz, funk ed echi latinoamericani si snoda un cd di un artista che non andrà mai a Sanremo, ma diventerà una star internazionale della musica di confine. Anzi, lo è già …
l'Alligatore - www.smemoranda.it - 12-03-2008
Insanology. Semplicità complessa
Uscito lo scorso novembre, questo lavoro di Boris Savoldelli potrà, a giudizio di chi scrive, rivelarsi un protagonista di spicco della scena musicale italiana in questo 2008. Il progetto è ambizioso: un album per sola voce (se si escludono i due brani che vedono la collaborazione di Marc Ribot alla chitarra) con un magistrale utilizzo del looper e soprattutto una serie di tracce alquanto differenti fra loro, fra cui spiccano “Circlecircus” (quasi un anticipo del nuovo lavoro di Jovanotti), la splendida cover dell’hendrixiana “Crosstown Traffic” e la raffinatissima “In The Seventh Year” (con testo di Mark Murphy), oltre ai due potenziali singoli “Andywalker” e “Insanology”.
Già, singoli. Perché la complessità della struttura musicale scompare di fronte a linee melodiche accattivanti ed a liriche che si stampano nella memoria sostenute da ritmiche poliedriche, il tutto sapientemente rilegato da un personalissimo filo (la splendida voce di Boris) che permette all’ascoltatore di leggere senza fatica capitoli che spaziano dal rap al gospel.
Un bell’album, piacevole da ascoltare, che si presenta con una pregevole confezione, che si avvale di una ottima produzione, ma con un solo difetto: dura troppo poco…
Luca Morzenti - Movida Magazine, marzo 2008 - 05-03-2008
Insanology: il talento di Savoldelli
Suonare la voce, cantava qualcuno anni fa. Non vogliamo in questa sede scomodare paragoni che potrebbero mettere in imbarazzo, sia l’artista, sia il paziente ascoltatore. Allora, sciogliamo per un attimo le riserve: dalle parti di Brescia c’è un vocalist capace di usare il proprio talento ugolare con maestria e creatività, Boris Savoldelli. Carneade, chi era costui? Succede sempre così, ma, prima o poi, vale la pena parlarne. E non solo perché è uscito il CD (Insanology – Mousemen 2007, distribuito da BTF).
Torniamo agli altarini da scoprire. Quando si tocca la voce nelle sue “microcosmiche” implicazioni timbrico-ritmico-armoniche, salta fuori il nome di Demetrio Stratos. Savoldelli non è Stratos. Ne è solo un appassionato. Ma è quella passione che conduce a sperimentare, attraversando febbrili traslazioni in altri mondi sonori quali il jazz (Bobby McFerrin), il rock (Ian Gillan) e il pop (dai Neri Per Caso a Renga).
Il motore stratosiano libera il cantante da qualsiasi pregiudizio, lo invita a duplicarsi nel caleidoscopico mondo delle sovraincisioni. Il piglio melodico – ciò che ci fa esclamare: «È orecchiabile» – diventa il veicolo ideale per apprezzare i numerosi avatar canori espressi dalla camaleontica cifra di Savoldelli.
È un vero piacere lasciarsi trasportare dal leggero calypso di Andywalker per planare sul rap be-bop e ossessivo di Circlecircus; con la chitarra di Marc Ribot (turnista di Costello, Capossela, Sylvian, Waits, Veloso, Zorn) in Mindjoke ci fermiamo al bivio tra Africa e America Latina (sensazione avvertibile anche in De-toxic-hatefull e in Insanology).
A proposito di “crocevia”, quello hendrixiano di Crosstown Traffic si trasforma in una sorta di reductio ad…loop, affascinante e accattivante quanto basta per mettere in luce le tinte black di Savoldelli. Ma non mancano nemmeno divertissment spiazzanti come la “gregoriana” Moonchurch o In the Seventh Year (emozionante cover del cantante jazz Mark Murphy). Felice la solarità soul di Bluchild. L’omaggio al maestro della voce degli Area sa di ghost track e ha l’indefinito titolo di Io?, contraddetto dall’incessante moto circolare e verticale dei suoni vocali.
Si tratta, in sostanza, di un lavoro molto rifinito che colpisce soprattutto per la ricetta comunicativa, anche laddove la sperimentazione detta legge; ci si augura che la produzione di Savoldelli esca dalla nicchia e non rimanga una voce poco fa.
Riccardo Storti - www.mentelocale.it - 13-02-2008
BORIS SAVOLDELLI - Insanology- OndaRock
E' un disco veramente folle, "Insanology", a cura di Boris, musicista bresciano, interamente a cappella, cioè con la sola voce, eccetto per un paio di interventi del grande Marc Ribot alla chitarra in altrettanti brani. Dopo diverse e sparse collaborazioni, con questo cd Boris Savoldelli giunge alla sua opera prima come solista.
Dalla musica leggera al funk, al calypso, alla sperimentazione, al jazz. Personale ed eclettico l'atteggiamento di Boris verso tutte le lingue parlabili, anzi, cantabili della musica. Sorprendentemente piacevole, ricco di groove fatti dalla batteria umana della sua voce, dalla polifonia di "Moonchurch", spiazzante e di singolare bellezza, alla straniante cover dell'hendrixiana "Crosstown Traffic", qui rivisitata in chiave funk; poi un brano inedito del grande jazzista Mark Murphy, "In The Seventh Year", dalle intense emozioni corali e dai suoni bellissimi.

Boris usa la voce come un'incredibile orchestra, re-inventando ruoli e strumenti, con sorprendente lucidità e progettualità creativa. Quando come in "Bluechild" la voce viene distesa su più layer a formare un coro polifonico, il risultato toglie il fiato e sembra impossibile che tutti quei suoni provengano dalla gola di Boris.
L'unica leggera critica che possiamo muovere a un esordio così coraggioso è di indugiare troppo su vocalizzi percussivi alla McFerrin, come in "Mindjoke", un po' già sentiti al punto da rendere ovvie alcune soluzioni qua e là. Ma in generale la voce di Boris è plastica, mutante, le sue composizioni intelligenti e fresche e dove osa di più, spingendo i confini verso la sperimentazione, il risultato è straordinario, come in "Io?", vertice dell'album tra i Gentle Giant di "Free Hand" e Demetrio Stratos.
Un disco innovativo e intrigante.
Massimo Marchini - www.ondarock.it - 07-02-2008
Insanology - comment from Fabio Treves -
Ciao Boris, ho ascoltato attentamente il Cd e devo farti i complimenti..E' un lavoro comunque fuori dagli schemi, e questo già mi sembra davvero un gran bel segno...Dacci dentro, le tracce sono tutte belle ed interessanti, a volte mi ricordano i cori sudafricani usati da Paul Simon in Graceland, altre volte quelli a cappella dei gruppi vocali neri dei fifties...Un caro abbraccio Blues!

Fabio Treves - 06-02-2008
Boris Savoldelli - Insanology - ABC Radio Networks, Dallas
I’ve been hearing voices lately, but it’s nothing a therapist can handle. Strange thing is, it’s the voice of one man, Boris Savoldelli, an Italian singer steeped in jazz but unafraid to incorporate other forms into his music; African, Caribbean and church music, to name a few.
In his new album “Insanology,” Boris has stacked and layered his vocal instrument to an extent that few have successfully attempted before. That doesn’t work unless you’ve got the chops to make it work. And Boris does. In this case, Savoldelli’s voice is the only instrument you will hear, with the exception of a spare amount of guitar on two of nine tracks. Even then, you get a chance to catch those two items again at the end of the disc with Boris performing on his own.
Boris penned seven of the nine tunes himself. Words were added by Alessandro Ducoli after hearing demo recordings of the songs on the album.
For the other two Savoldelli turned to “Crosstown Traffic,” which Jimi Hendrix wrote for his “Electric Ladyland” album in 1969. My guess is Hendrix would have approved of this a cappella version. The second, “In the Seventh Year,” is a tune written by American jazz singmeister Mark Murphy (who has exerted a strong influence on Boris’ musicmaking) and German jazz pianist Uli Rennert. Mark offered it to Boris specifically for this album.
Keep an ear on Boris Savoldelli. This is an album by a promising artist in which a heaping helping of his promise is fulfilled.
Steve Cumming, ABC Radio Networks, Dallas - 05-02-2008
Boris Savoldelli - Insanology - Downtown Music Gallery, New York
A truly strange solo offering featuring Boris Savoldelli on all voices with Marc Ribot guest guitarist on two tracks.
When this Boris character contacted me to see if we would be willing to give his away solo effort, I wasn't too sure what to expect. It turns out that his solo vocal disc is well fun, inventive, silly and filled with some surprises.
Starting with "Andywalker," a sort of Beach Boys-like layered vocal ditty that made me smile. It is obviously that Boris has spent a lot of time adding layers of vocal parts to these pieces and he sings in mostly in English. "Mindjoke" features some elegant, stripped-down guitar from Mr. Ribot and doo-wop vocals in Italian. It is charming and reminds me of the Four Seasons somewhat. "Moonchurch" does have some lovely chanted vocals that one might hear in a church, especially if Brian Wilson was up in the pulpit. Jimi Hendrix's "Crosstown Traffic" gets an interesting funkified rendition makes one want to get down. I dig the way Boris uses his voice(s) orchestrally, adding layers of lush harmonies and tweaking his voice with subtle effects. Ribot again plays some exquisite, skeletal guitar on the title piece and then hits some fine blues-drenched notes mid-song, wailing away with that great sustain tone. "Bluechild" features rich layers of angelic vocal harmonies and "Io?" consists of more lush layers of various vocal parts sung in Latin and in hypnotic counterpoint.
While this disc may not be as experimental as some of discs we usually offer, I am still mighty impressed by the crafty use of Boris' many voices. And the price is certainly right.
BRUCE LEE GALLANTER (Downtown Music Gallery, New York) - 10-01-2008
Boris Savoldelli - Insanology - Mucchio
Che la voce potesse assumere la valenza espressiva di uno strumento, e non di convenzionale asservimento alla parola, lo sapevamo da tempo, grazie alla sperimentazione di importanti vocalist del passato e del presente. Eppure ci sorprende ancora un lavoro discografico come quello di Boris Savoldelli, in cui lo strumento-voce sa coniugare, con estrosa efficacia, un lungo e importante bagaglio di studi e ricerca ad una godibilissima dimensione canzone. Capiamoci: “Insanalogy”, primo disco solista del cantante bresciano dopo svariate collaborazioni, si discosta decisamente dalle radicali esplorazioni e sfide vocali di un Demetrio Stratos, tuttavia condividendone il fervore di ricerca, sintonizzandosi piuttosto su calde interpretazioni più affini a Bobby McFerrin o al suo maestro dichiarato (ed effettivo in occasione di un stage austriaco) Mark Murphy. Dodici brani di sola voce, mirabilmente assemblata, sovrapposta col supporto di un looper, salvo l’ottimale presenza in “Mindjoke” e “Insanology” del rinomato chitarrista Marc Ribot, a reggere uno stupefacente filo creativo, ricco di suggestioni, cromatismi, tra delizie swing, soul, rielaborazioni reggae e spiritual, sensuali divagazioni calypso. C’è posto anche per una meravigliosa versione della hendrixiana “Crosstown traffic”, sempre affine allo stile consolidato nell’intero album. Poi, infine, ci si accorge che da qualche parte ci sono pure delle parole: inglesi, italiane, non banali né casuali, ma pare un dettaglio quasi insignificante al cospetto della magia di tanta caleidoscopica vocalità e musicalità, e questo è forse il complimento migliore (www.borisinger.eu).
Loris Furlan - www.ilmucchio.it - 06-01-2008
Insanology - Strumenti Musicali -
Da Roy Wood (ELO) ad Harry Nilsson, da Demetrio Stratos a Bobby Mcferrin, una lunga teoria di “pazzi” si è cimentata in imprese simili. Il crooner Boris Savoldelli pubblica un album interamente realizzato con la propria voce, senza strumenti aggiuntivi, e con l’ausilio di un looper. Alessandro Ducoli firma tutti i testi dell’album, Mark Murphy (mentore di Boris) regala un suo inedito (“In The Seventh Year”) e il chitarrista newyorkese Marc Ribot partecipa a due brani. Difficile e complesso da realizzare, incredibile da progettare, Insanology è un disco godibilissimo da ascoltare: un perfetto esempio di semplicità complicata.
Furio Sollazzi - Strumenti Musicali, Gennaio - 05-01-2008
Tutto con la voce - Ottopiù Spettacoli -
Quando un talento ti nasce a pochi chilometri da casa…Boris Savoldelli è un cantante che ha orbitato nell’area camuno-sebina, ma ch’è anche riuscito a far arrivare la propria voce a New York. E Mark Murphy (il jazz singer che può vantare 6 nomination ai Grammy) lo ha definito uno dei grandi, non ancora scoperti interpreti di un superbo modo di cantare; ammirazione testimoniata dal regalo di un inedito, “In the seventh year”. Ed anche Marc Ribot (già con Tom Waits e Elvis Costello) si è messo a disposizione, per impreziosire con la sua chitarra due brani di un album – l’esordio di Savoldelli – per il resto tutto costruito proprio con la voce (grazie alle sovraincisioni e all’ausilio di un looper).
La tecnica non è nuova (basti pensare a Bobby McFerrin). Ma Boris la reinterpreta con quell’eclettismo che lo aveva contraddistinto nelle epserienze fatte con gruppi (dal rock degli ultimatum al rock-funk sperimentale dei Kamakiriad all’ancora più ampio spettro dei Brother K). E – assecondato per i testi da Alessandro Ducoli (che, aldilà di frasi-flash da epater le bourgeois, mostra notevole attitudine eufonica) – si muove tra scat, jazz, soul, funk, swing…ma anche tra calypso e rap, sino ad un unire, in “Moonchurch”, echi di basilica e cori alpini.
Si respirano, insieme, una punta di follia (del resto, il cd non si intitola “Insanology”?) e la serietà del lavoro svolto. E, aldilà della curiosità, alcuni brani – a cominciare da “Mindjoke”, dalla title-track, dalla cover dell’hendrixiana “Crosstown Traffic” si impongo per quello che valgono in sé. E gli assaggi? In www.borisinger.eu
Maurizio Matteotti - Ottopiù Spettacoli, supplemento al Giornale di Brescia del 5 gennaio 2008 - 04-01-2008
Boris Savoldelli Insanology - Rockerilla -
Con tecnica solidissima ed immaginazione da vendere, questo allievo del grande Mark Murphy mette in scena un’operazione che non è di tutti i giorni: realizzare un album con la nuda voce sovraincisa su più piste, con l’ausilio di un looper per le parti ritmiche, aggiungendovi solamente l’idiosincratica chitarra di Marc Ribot in due pezzi. Se a questo punto avete in mente le ricerche di Demetrio Stratos siete fuori strada, perché Insanology swinga di bestia, passando dal jazz di Lambert, Hendricks & Ross al calypso e piazzando come ciliegina sulla torta una versione di “Crosstown Traffic” da far suonare a festa le campane di tutta Ladyland.
Sperimentale nel procedimento e godibilissimo negli esiti, questo CD metterà d’accordo tutti i vostri conoscenti.

voto: 8/10
Enrico Ramunni - Rockerilla - 27-12-2007
Boris Savoldelli - Insanology - comment from Elliott Sharp
dear Boris - just listened your cd...fantastic record!
really, great singing, lyrics, arrangements et all (& great guitar from my good friend marc!)
anyway, complimenti!
(and looking forward to hearing more from you)
all best - E#

Elliott Sharp - 27-12-2007
Boris Savoldelli - Insanology - comment from Eric Mingus
It was good to meet you in Milan and thank you for giving me a copy of "INSANOLOGY"... I have been enjoying listening to it while on the road... You have great range and dexterity in your voice... I hope to be able to hear you live one day... ( I love the tracks you did with Ribot... )
Congratulations on a well crafted CD!!
Bright Moments,
Eric Mingus
Eric Mingus - 14-12-2007
L'esordio solista di questo giovane "maestro della voce" - Movimentiprog -
State cercando un nuovo grande talento della musica italiana? Eccolo qui: Boris Savoldelli, classe 1970, origini bresciane, curriculum di lusso ma soprattutto una voce grande così. Eccellente il suo nuovo album solista "Insanology": c'è solo Boris, con la sua voce, e una loop machine che gli consente di sviluppare nel migliore dei modi la sua idea "mantrica". Riagganciandosi un po' allo studio iterativo della minimal musica americana (Riley, Young, Reich), Boris concentra la sua attenzione su alcune cellule vocali, che con l'ausilio del looper vengono sviluppate come cerchi concentrici, creando un vero e proprio "sistema organico" al centro del quale la voce funge da motore propulsivo.

Un progetto del genere non passa inosservato e piace molto a due grandi: il jazz vocalist Mark Murphy si accorge di questo grande talento e gli regala un ottimo inedito dal titolo "In the seventh year", il grande Marc Ribot (Lounge Lizard, Tom Waits, John Zorn etc.) non resiste e infila la sua chitarra in "Mindjoke" e nella focosa title-track... Partendo dagli studi stratosiani e dall'attività di Bobby McFerrin, senza dimenticare la lezione di leggendari rock vocalists come Ian Gillan e Paul Rodgers, Boris tira fuori dalle sue corde vocali un lavoro eccitante, un esperimento che ha nell'esigenza comunicativa, nella relazionalità con l'ascoltatore, il suo punto di forza (particolari i testi di Alessandro Ducoli).

Ci sono verve e ironia in "Andywalker" e "De-toxic-hatefull", un festival di colori e profumi caraibici e latinoamericani che rimanda alla ricchezza e al groove di vocal bands come i Manhattan Transfer ma anche a formazioni come Weather Report e Living Colour. Tanto per indicare alcuni punti chiave del disco, basta ascoltare le ritmiche di "Circlecircus" oppure l'idea "gregoriana" di "Moonchurch" e la passionalità di "Bluechild", e la cover dell'hendrixiana "Crosstown traffic" per capire l'anima funk di Boris.

Come un solo uomo può diventare una piccola, gioiosa e trascinante orchestra. Un formidabile debutto solista.


Per ulteriori dettagli:
http://www.borisinger.eu - Boris Savoldelli
http://www.btf.it - BTF
Donato Zoppo - www.movimentiprog.net - 13-12-2007
Boris Savoldelli - Insanology - Mescalina
Boris Savoldelli lo avevamo incontrato nei Kamakiriad, progetto di rielaborazione dei classici del rock con alle spalle un demo, “If you don’t like it the exit is right there” (2004). Già l’attitudine jazz-funk sperimentale di quella band metteva in mostra la natura di una voce che spiccava per tecnica e ambizione.
Da allora Savoldelli ha messo a fuoco le sue capacità aumentando esponenzialmente quantità e qualità del proprio canto fino ad arrivare a questo esordio solista.
“Insanology” è un disco quasi esclusivamente di sola voce: il lavoro compiuto sulle corde vocali è enorme sia a livello di composizione che di arrangiamento. Siamo ovviamente distanti dalle formazioni vocali più o meno sanremesi, che hanno fatto fortuna nelle classifiche della musica leggera italiana.
Il territorio su cui si muove Savoldelli è assai più elaborato e non è fuori luogo definirlo avanguardistico. Prova ne sono la presenza in un paio di tracce del grande Marc Ribot ed anche l’arredamento a dir poco ricercato che si nota nell’artwork a sottolineare la personalità spiccata dell’autore.
Mark Murphy, Demetrio Stratos e Frank Zappa potrebbero essere ospiti in quella sala immortalata all’interno del cd. Non è un’esagerazione accostare artisti di questo calibro ad un musicista ancora sconosciuto dal momento che ognuno dei tre ha in qualche modo partecipato al disco: chi regalando un proprio brano (Murphy), chi indicando la via con le proprie sperimentazioni vocali (Stratos) e chi dimostrando come si possa portare avanti una ricerca artistica in modo dissacrante e affatto convenzionale (Zappa).
È infatti evidente quanto Savoldelli combini una tecnica d’alta professionalità con un’attitudine ironica e divertente che rende godibile l’ascolto. Merito di testi provocanti che vestono alla perfezione la figura dell’interprete. E merito soprattutto di una destrezza nell’assemblare anche con l’ausilio di un looper parti armoniche e ritmiche al limite della maniacalità.
A rendere pimpante la scaletta ci pensano poi una serie di pezzi che saltano dal funk al pop alla ballata con inserti di rap (“Circlecircus”), di musica da chiesa (“Moonchurch”), di latino-cubana (“Mindjoke”) e di funk-rock (la hendrixiana “Crosstown traffic”).
Ad un primo ascolto c’è il rischio di trovarsi con la testa che gira attorno ad un succedersi senza pausa di voce, voci e vocals: Savoldelli d’altronde fa ruotare tutto con una spinta egocentrica, eppure riesce ad evitare l’effetto centrifuga grazie alla notevole padronanza e al dileggio di sé stesso.
“Insanology” dimostra che si possono ottenere buoni risultati applicando ma anche irridendo categorie e teorie.
Christian Verzelletti - www.mescalina.it - 05-12-2007
Boris Savoldelli - Insanology - Arlequins
Ho conosciuto Boris grazie a Sandro Marinoni (già sax negli Arcansiel e oggi mente dei S.A.D.O. insieme a Paolo Baltaro) durante una serata fredda dello scorso giugno. La prima impressione fu quella di una persona di grande profondità sia umana che musicale, con una predisposizione naturale per la sperimentazione. Boris oltre a produrre lavori solisti, proprio a seguito della collaborazione con Sandro si è unito al folle progetto S.A.D.O. diventandone l’elemento vocale. E’ proprio la ricerca e la sperimentazione sullo strumento musicale più naturale -la voce- che rende il progetto di Boris molto interessante. “Insanology” infatti va sicuramente in questa
direzione musicale, e pur essendo abbastanza fruibile, risulta sufficientemente complicato e sperimentale da incuriosire l’ascoltatore di prog. Partendo dall’esperienza musicale di Bobby McFerrin, attraverso certo jazz, ma anche inconsapevolmente influenzato dagli intrecci vocali di Yes e soprattutto Gentle Giant (che Boris dovrebbe assolutamente ascoltare!), il nostro ci propone 11 squisiti brani, in cui l’unico strumento musicale è la voce (tranne in due brani che vedono ospite alla chitarra Marc Ribot – Lounge Lizards, John Zorn, Tom Waits, e Jazz Passengers -). La tecnica utilizzata è quella di creare intrecci canori, con ritmiche vocali in loop
(che viste dal vivo fanno letteralmente venire i brividi), per generare tappeti sonori circolari, mentre la voce solista produce liriche alternate in inglese e italiano (scritte a due mani con Alessandro Ducoli). Il tutto dà vita ad atmosfere di grande impatto emotivo muovendosi liberamente in diversi stati, dall’intimistico a letterali esplosioni di gioia. In questo senso l’opener “Andywalker” è un buon esempio, con il suo loop quasi ossessivo e una linea vocale molto accattivante, tuttavia sono i successivi brani “Circlecircus” e “Mindjoke” (con una stupenda chitarra acustica del citato Marc Ribot) che catturano maggiormente l’attenzione e fungono da ponte verso la parte forse più sperimentale del cd. “Moonchurch” (che dal vivo è davvero splendida - e me ne rendo conto solo adesso) è una traccia, nella sua relativa brevità, davvero affascinante e, oserei dire, commovente. Poi ci si tuffa nel ritmo ossessivo di “Crosstown traffic” (cover dell’omonimo brano di Jimi Hendrix) e nella gioia esplosiva di “De-toxic-hatefull” che ricorda fortemente certi Yes. La successiva “In the seventh year” (di Mark Murphy e Uli Rennert) è, con le sue linee blues, il brano più jazz del lotto, mentre “Insanology” è di nuovo un breve momento molto ritmato, impreziosito dalla chitarra elettrica di Marc Ribot.
“Bluechild” è un blues struggente e molto evocativo che secondo le note di copertina dovrebbe chiudere il cd; in realtà tre brani aggiuntivi seguono.
Le versioni di “Mindjoke” e “Insanology” senza chitarra, mettono in grande luce il lavoro di Boris sulla voce che, con la tecnica di salto di ottava, sembra creare contrappunti infiniti tra i cori di sostegno, la ritmica e la parte solista. Questo, a mio avviso, diventa lampante nella traccia che preferisco “Io?”, in puro stile Gentle Giant.
In conclusione, “Insanology” è un cd particolare, che probabilmente interesserà una ristretta cerchia di persone, ma – e qui andrebbe aperta una discussione che non possiamo affrontare esaurientemente in poche parole – che dimostra come la scena musicale italiana, anche quella per così dire più sanremesca (e scusate la parolaccia) dovrebbe prestare attenzione ad artisti di estremo valore come Boris Savoldelli. Io vi consiglio di visitare il sito di Boris (http://www.borisinger.eu) e di provare ad ascoltare qualcosa…
probabilmente subito dopo vorrete acquistare il cd.

Marco Del Corno - www.arlequins.it - 04-12-2007
La Pazzia Di Boris - MiaPavia
La pazzia di Boris è quella di Orlando innamorato, è la passione che prende il sopravvento sulla ragione, è l’afflato compositivo, la ricerca continua ed ossessiva, l’impossibile reso possibile; per amore si fa questo ed altro. Ed è l’amore estremo per la musica, per il canto, che l’ha spinto a sperimentare, ad osare, a spingersi oltre.
Insanologyè tutto questo…ed anche di più!
E’ un’antologia di insanità mentali applicate alla musica: solo un pazzo si metterebbe a fare tutto un disco con l’unico aiuto della propria voce. Ma non è stato il primo, e neanche l’ultimo. Da Roy Wood (degli ELO) ad Harry Nilsson, a Demetrio Stratos, per arrivare sino a Bobby McFerrin, una lunga teoria di “pazzi” si è cimentata in questo esercizio insano.

Nell’estate del 2006 Boris Savoldelli (crooner, studioso della voce, ve ne ho parlato più volte, e anche quest’anno sarà ospite al Lennon Memorial Concert) inizia la composizione di quello che sarà il suo primo album solista, un progetto sperimentale di sola voce dal titolo Insanology, prodotto da Paolo Filippi presso il Cavò Studio, interamente realizzato con la propria voce, senza strumenti aggiuntivi, e con l’ausilio di un looper (un campionatore vocale multi traccia).
Il lavoro si basa, per la composizione delle canzoni, su un’idea mantrica” dei brani, dove la ripetizione continua di brevi porzioni armoniche e ritmiche, sovrapposte le une alle altre creano il brano. Per la parte lirica del progetto si è avvalso della collaborazione di Alessandro Ducoli che firma tutti i testi dell’album.
Dopo avere sentito alcuni provini del progetto, Mark Murphy (grande coroner statunitense e mentore di Boris) ha deciso di regalare un suo brano inedito dal titolo "In the seventh year" che è stato riarrangiato per sole voci dal compositore Federico Troncatti. Inoltre il chitarrista Newyorkese Marc Ribot ha partecipato alla registrazione di due brani: Mindjoke e Insanology. Questa però va raccontata.
Boris (e qui si dimostra che è un pazzo) da sempre ammiratore di Ribot, gli scrive dicendogli che il suo sogno sarebbe averlo ospite nel suo disco. Il manager del chitarrista risponde che “ mr.Ribot non incide dischi a pagamento, ma sarà lieto di ascoltare i brani.”.

Dopo poco tempo arriva una seconda lettera, questa volta di Ribot che dice di aver ascoltato l’album e che gli è piaciuto e vorrebbe fare degli interventi in due brani in particolare.particolare; e così, oltre alla voce di Boris, l’unico altro strumento che compare nell’intero album e la chitarra di Marc.
Difficile e complesso da realizzare, incredibile da progettare, Insanology è un disco godibilissimo da scoltare: un perfetto esempio di semplicità complicata. Sono, a tutti gli effetti, canzoni e, dopo pochi attimi, ci si può dimenticare che tutto è realizzato da una voce sola e godersi la musica, come in un qualsiasi altro disco.
Bluechild (di Ducoli) e Crosstown Traffic (di Hendrix) sono, insieme a In the seventh year (di Murphy), gli unici tre brani non partoriti dai deliri di Boris. “Io?”, invece, è il nucleo generativo della “pazzia”. Concepita per l’album precedente (un concept dal titolo Degeneration Beat), è nata da una mia malsana idea, avendolo sfidato a sviluppare la canzone per sola voce. Se già amava giocare con il campionatore vocale, da quel momento il novello Orlando/Boris è stato preso da pazzia amorosa.

E meno male, visti i risultati.
Un album splendido.
Furio Sollazzi - www.miapavia.it - 03-12-2007
Boris Savoldelli - Insanology - Debaser
Quando si dice che in Italia non c'è sperimentazione in musica, che non esiste un sottosuolo musicale all'altezza dei paesi stranieri, in realtà si sta dicendo una gran baggianata... Chi parla in questo modo guarda evidentemente alla sola Italia musicale che viene promossa nel circuito mainstream, all'Italia di Sanremo, della Pausini e di Nek. Altrettanto evidentemente queste persone sono convinte che l'underground italiano sia composto solamente da band di studenti che suonano cover metal alle feste della birra.
L'Italia invece è piena di arte musicale, di sperimentazioni e percorsi personali davvero interessanti (per rendersene conto è sufficiente farsi un giro su MySpace).
Boris Savoldelli si inserisce perfettamente in quella cerchia di artisti che, con la famosa gavetta, si sono creati un linguaggio originale lontano dagli standard della canzonetta italica.
"Insanology", il suo primo album solista dopo anni di progetti sperimentali tra i più disparati, si presenta come un disco unico già a partire dall'idea di partenza. Le 12 tracce che lo compongono sono infatti realizzate con il solo utilizzo della voce, che, con l'aiuto di una looper-machine, crea basi ritmiche, effetti, parti strumentali, canti e controcanti. Anche la struttura dei brani è diversa dal solito, non necessariamente legata al classico sviluppo strofa/ritornello, ma più libera, partendo dall'idea ciclica propria del loop.
La cosa che più colpisce di "Insanology" è però l'eccezionale freschezza che, nonostante tanta sperimentazione, riesce a mantenere l'insieme. L'album risulta infatti incredibilmente scorrevole e la concettualità di base non va a intaccare la piacevolezza del prodotto. Insomma, Boris ha sondato le possibilità della sua voce tenendo però sempre presente lo scopo finale della musica: l'intrattenimento. Ed è intrattenimento (divertimento) allo stato puro quando gioca con le atmosfere caraibiche delle riuscitissime "Mindjoke" e "Insanology", in duetto tra l'altro con la chitarra del grande Marc Ribot (Thom Waits, Elvis Costello), unico strumento presente nel disco
Secondo il mio parere comunque, è quando mette da parte il gioco che Boris raggiunge le punte massime del suo progetto: nell'emozionante gospel "Bluechild", e soprattutto nelle atmosfere sospese di "In The Seventh Year", il capolavoro del disco, un intenso brano firmato dalla leggenda del jazz newyorkese Mark Murphy.
E' proprio con una frase di Murphy, presente sulle note di copertina, che mi sembra doveroso chiudere questa recensione, a dimostrazione che la scena musicale italiana contiene molto più di quanto si possa credere: "Boris is one of the great undiscovered proponents of simply superb singing and this cd proves it..."
Il Panes - www.debaser.it/recensionidb/ID_20876/Boris_Savoldelli - 30-11-2007
Boris Savoldelli - Insanology - VoceCamuna
Non un disco da usare come sottofondo. Non un disco da autostrada. Non un disco facile. E’ un album da sorseggiarsi con calma, da ascolto intenso ed appassionato.
Dopo l’esperienza con i Brother K, il Boris Savoldelli ha sentito l’esigenza di sviluppare ancora di più quella ricerca sui suoni della voce che da anni lo sta impegnando.
Il risultato è “Insanology”, un album con 12 pezzi ognuno dei quali ha la sua brava particolarità (e già questo è un punto a favore dell’artista che se la gioca sull’accappella).
L’unico strumento presente nel disco è la chitarra di Marc Ribot (!) in due pezzi, due versioni di “Mindjoke” (dal ritmo calypso), dove ci si può immaginare in una spiaggia cubana, e di “Insanology”, la title-track.
Ma diversi sono i pezzi degni di nota dell’album. In “Moonchurch” la mia prima impressione è stata quella di trovarmi davanti ad un coro alpino, mentre in “De-Toxic-Hatefull” Boris sembra incontrare Bobby McFerrin.
“In the seventh year” (scritta da Mark Murphy ed Eli Rennert) sembra un Bing Crosby proiettato nel 2007, bella anche la poetica “Bluechild”.
E’ inoltre presente anche una particolarissima versione di “Crosstown traffic”, proprio il classico di Jimi Hendrix.
Il disco è stato registrato, arrangiato ed editato al Cavò Studio di Azano San Paolo dal mitico Paolo Filippi, invece le tracce di chitarra di Marc Ribot vengono dal Greenpoint Sound Studio di New York e da Francois Lardeau.
Da notare anche che i testi in italiano sono stati scritti dal sempiterno Alessandro Ducoli.
Disco assolutamente da “provare”.
Per maggiori informazioni: sito internet oppure MySpace

Cesare Casalini - www.vocecamuna.it - 25-11-2007
Brother K - Degeneration Beat
An Italian Kerouac tribute!!?? Who would have believed...Boris Savoldelli's voice sounds so very much of a part of this....for one reason, he was the originator of this idea to give Kerouac to the Italian readers and fans...his voice has such a sympatico feeling coming out of the music and writings they all did to further this dynamic project along.

Fernanda Pivano, that lovely lady from so many eras of ideas and love and writers and writings from the heart of Jack Kerouac and other writers he inspired, had made Boris sing mellow and soulful renditions that even he didn't know he had these in him!!!!!!!
Mark Murphy - 26-11-2004
Brother K - Degeneration Beat
Boris- Fantastic! I heard your CD a bunch of times driving to Long Island on a much needed vacation last weekend. Wonderful work and I will no doubt want to interview you while you're in town, so please keep in touch. Congratulations on the work!
Ciao- dz
David Zellerford - New York Movie Director
Giudizi della Giuria Unimarche
I commenti degli studenti-giurati delle Università di Camerino e Macerata ai brani in gara, intervistati su Radio1 Rai da Carlotta Tedeschi, nel corso di "Stereonotte".

Brother K
Il brano è di una freschezza compositiva ed esecutiva non comuni e costruito con indovinate scelte timbriche e con intrecci vocale e strumentali molto calibrati. L'arrangiamento, di tipo jazzistico, si sviluppa in un crescendo di suoni e sfumature. Una canzone che cattura l'ascoltatore soprattutto per il ritmo in controtempo, con degli arrangiamenti molto curati, in particolare nei brevi riff jazzati dei fiati. Il testo, già di per sé bello e poetico, è reso ancor più vivido dalla particolare interpretazione vocale che ne viene eseguita. Nel complesso una buona prova di originalità e di maturità artistica.

Brother K
Non è una vera e propria band ma un gruppo di autori accomunati dalla passione per l'opera di Kerouac ed il suo legame con la musica. Attualmente sono in studio per il loro primo progetto, intitolato Degeneration beat, un tentativo volutamente "non filologicamente corretto" di trasportare il "mood" della "scrittura jazz" della Beat generation, nella realtà contemporanea della provincia dell'Italia del nord.
Giuria Premio Musicultura (ex Recanati)
Il giudizio di Musicultura
L'influenza esibita del Jazz e la tecnica poetica sono elementi vivificanti per tenere insieme una prova fortemente innovativa costruita anche sull'inconsueto uso della vocalità interpretativa
Giuria Premio Musicultura (ex Recanati)
I Brother K avanzano sulla strada di Kerouac
Domani 4 giugno si saprà se una band camuna passerà alla finalissima al XVII Musicultura Festival, rassegna della canzone popolare e d'autore in programma il 23-24-25 giugno all'Arena Sferisterio di Macerata. Parliamo dei Brother K, che non sono una vera e propria band, ma un gruppo di autori accomunati dalla passione per l'opera di Kerouac (lo scrittore del romanzo-culto dell'era beat "Sulla strada") e per il suo legame con la musica. E grazie al brano "Disarmonia" i camuni sono tra i 16 finalisti.
I Brother K sono: Federico Troncatti, piano (compositore di jazz e di musica sperimentale contemporanea, diplomato al Conservatorio di Brescia in composizione e armonia), Boris Savoldelli (eccellente vocalist, dalla scuola di Mark Murphy con cui studia e collabora in Italia e Usa), Andrea Bellicini, basso e chitarra (autore attivo nell'underground italiano), Alessandro Ducoli (il grande "Ducosky"), autore delle liriche (cantautore bresciano, già finalista a Recanati con "La Banda Del Ducoli", Andrei Kutov, tastiera (pianista e arrangiatore, diplomato al conservatorio di Rostov sul Don).
I Brother K si definiscono un collettivo creativo, "Ognuno mette qualcosa di suo - dice il cantante Boris - Per impreziosire accordi e arrangiamenti. Stiamo lavorando per un grande progetto, "Degeneration Beat", un tentativo non filologicamente corretto di trasportare il "mood" della scrittura jazz della Beat Generation, nella realtà di provincia del nord Italia, tant'è che abbiamo cercato di far uscire dai sotterranei di Brescia la luce e lo spirito di Kerouac.
Si stanno per celebrare i 50 anni della pubblicazione di "On the road", manifesto letterario della Beat Generation, e vogliamo dare un'impronta significativa con la nostra musica. I Brother K possono pure avvalersi della collaborazione di Mark Murphy, icona del jazz che ha registrato a New York una recita di sette minuti di lettura di un testo che uscirà nell'album del gruppo "Degeneration Beat".
Andrea Croxatto - Giornale di Brescia, 3 giugno 2006
Degeneration Beat – Brother K
Quattro bresciani e un russo per una operazione chirurgica sulla musica. Per un disco che viene definito come un tributo italiano a Jack Kerouac. Premetto che della beat generation conosco ben poco, purtroppo, anche se quel pochissimo che conosco mi affascina assai, ma questo disco è su una buonissima strada per diventare il mio album preferito del 2006.
Le cinque teste pensanti cui ho accennato sono quanto di più godurioso si possa trovare nell’ambito di certa musica italiana fuori dai soliti schemi, e sono Boris Savoldelli alla voce, un personaggio influenzato da gente come Mark Murphy, Demetrio Stratos, Bobby McFerrin, Sting, Paul Rodgers, Ian Gillan, e Paul Carrack, che ha studiato per anni canto lirico e che ora si occupa anche delle sperimentazioni vocali di Demetrio Stratos approfondendo tutte le sue tecniche vocali come diplofonia, triplofonia, ecc., poi abbiamo Alessandro Ducoli impegnato nella scrittura dei testi e in diversi “camei” vocali recitati. Il tastierista è Andrej Kutov, nato in Russia oltre il Circolo Polare Artico, diplomato alla scuola di Rostov e che ha suonato, fra gli altri, con Pat Metheny. Alle chitarre c’è Andrea Bellicini (ultimamente noto anche come Van Cleef Continental), e il “compositore sperimentale” è Federico Troncatti (e qui per la sua biografia è meglio visitare il sito ufficiale dei Brother K, è troppo lunga. Tra l’altro potrete anche ascoltare e scaricare l’intero album), e con la partecipazione straordinaria di Matt Murphy, che recita un brano tratto da “Subterraneans” di Kerouac, e quella di Fernanda Pivano che recita un testo di Ducoli.
Un’operazione chirurgica, si diceva, dove ognuno mette qualcosa di suo, una parte di se stesso, e che si fonde in un fantastico incrocio tra jazz, blues, soul e rock. La voce di Boris è sempre quanto mai espressiva, con un timbro allo stesso tempo avvolgente e “destabilizzante”, non so se mi spiego, forse ascoltando capirete.
A mio parere tutto il disco è su grandissimi livelli, ma ci sono almeno cinque pezzi che vanno ben oltre la media, soprattutto il brano con cui hanno partecipato alle finali del Premio Musicultura 2006 di Recanati, “Disarmonia”, definito dagli stessi critici della manifestazione come “una prova fortemente innovativa” per “l’influenza esibita del jazz” e per la “tecnica poetica”. Sono totalmente d’accordo, per me è una canzone splendida, rara da poter ascoltare in Italia, personalmente forse mi ricorda un pochino Donald Fagen.
Anche “Sotterranea 1” è fantastica, un po’reggae e un po’ blues, con quei fiati e quella vocalità di Savoldelli che la rendono davvero bella.
Altro grande brano dove la fa da padrone il jazz (ma ripeto, non ce n’è uno che sia meno che bello), è “Sulla strada”, testo più Ducoli che mai e altra grande prova vocale di Savoldelli.
“Maladea” è interessantissima con quelle frasi recitate a più voci che si intersecano senza una apparente logica, ma ascoltando ci si accorge che una logica c’è.
Bellissima anche “Brain Strike”, jazz puro in “Punto di luce” (Ducoli che recita), mentre la chitarra “noise” di Bellicini si può sfogare in “Qui dentro 2” e così accompagnare la voce di Savoldelli che si adegua.
Infine, ancora jazz con le tastiere di Andrei Kutov in una incantevole canzone finale che s’intitola “Gennaio 1971”.
I testi rivestono un’importanza notevole, è proprio come se Ducoli si fosse trasportato nell’era di Kerouac, di Corso e di Ferlinghetti.

Osservo la mia tasca,
C'è una macchina che mischia la bevanda e la benzina
Gli da fuoco quando supera la linea.
Ricomincia a stantuffare, lo stantuffo cerebrale.
Una chiave colorata per la porta della porta
La mia chiave difettosa per la porta del cervello
Un biglietto della terra dove cresce granturco,
E un biglietto per il rancio, per sapere dove andare
Per riuscire a ritornare, qui bisogna camminare.

C'è una stoffa ricoperta di schifezza e di penuria
Che si stacca dal mio naso
Che cammina e si dirige verso il centro della sala, senza ruote
Si dirige nel sistema che mi occorre ragionare
Per sapere se si muove la pressione
Se decide della mia colorazione, quando sale, sale male
C'è una piccola manciata di monete, le più basse conosciute
Quelle subito contate e disprezzate dalle masse
C'è una penna per segnare cosa faccio se mi muovo
Le mie mosse controllate i movimenti abituati
Dai vangeli costruiti per tenere più aggiornata la memoria
C'è una piuma per volare, camminare
Con le penne consumate che ho bisogno di asciugare.

E’ già uno dei miei dischi favoriti del 2006. Potrebbe diventare anche il vostro.
Cesare Casalini - www.vocecamuna.it
Brother K Degeneration Beat
Forse "Fratello K" suonava male. Quasi un richiamo agli anni di piombo, servizi segreti, rivendicazioni e molotov. Immagini che non rievoca il più stiloso "Brother K", firma che al più può confondere le acque ricordando il marchio di un noto profumo.
Certo Alessandro Ducoli non vuole essere alla moda. Il motivo per cui ha aperto una parentesi nell’attività dell’omonima Banda, collaborando con musicisti-sperimentatori del calibro di Andrei Kutov, Andrea Bellicini, Federico Troncatti e Boris Savoldelli, è un tributo a Jack Kerouac.
Un album intitolato Degeneration Beat, «imbottigliato» di recente e disponibile per il momento in pre-produzione. Un primo, importante passo verso la distribuzione nei negozi del prodotto finito. Prodotto vincente se sarà all’altezza degli umori e dei suoni del progetto in nuce, già notevole per sensibilità e sobrietà.
Il jazz non litiga con l’easy listening. Tutt’altro. Prova ne sia "Book maker’s story", colonna sonora da club fumoso per pochi intimi. Delizioso come il suono della batteria in "Sotterranea I". Stop and go punteggiano una melodia sinuosa, accorato omaggio alla lezione degli Steely Dan. La raffinatezza del racconto pervade "Sotterranea II" ed è Mark Murphy a prestare la sua voce vissuta per i "Subterraneans".
E’ un lavoro meditato, riflessivo, cerebrale. Ma il ritmo non manca e così la voglia di scherzare, il desiderio di giocare con le sette note. "Disarmonia" sembra uscita da Graceland: Paul Simon certo gradirebbe. "Sulla strada" tocca le corde più sensibili dell’anima. Tempo di rilassarsi, non per distrarsi. "Il mio cane non si muove quando prego" impegna all’ascolto di un testo mai banale. "Io?" è un imbuto polifonico di luci psichedeliche. Ispirazione allucinata sulla scia di Syd Barrett e Brian Wilson.
Può in un concept-album come questo trovare posto il rap? "Maladea" è la risposta al quesito, assolutamente affermativa per chi è convinto che l’hip-hop non sia per forza di cose l’antitesi del crossover. Non è un caso l’impulso funk che anima "Brain strike".
"Punto di luce" è il picco del disco. Deviazione spudorata fra jazz e lo-fi, perfetta soundtrack per i titoli di coda di un film di Ed Wood. Il rock fa capolino quando meno te lo aspetti. Il riff di "Qui dentro II" sfuma nei cori che preparano il terreno a "Gennaio 1971". Il cuscino su cui riposano i sogni del Fratello K
Gian Paolo Laffranchi - Bresciaoggi, 19 gennaio 2005
Brother K - Degeneration Beat
Attenzione! Sto per fare una dichiarazione con cui 'mi gioco la faccia': questo disco, se mai verrà pubblicato ufficialmente, rappresenta una tappa importante nella storia della musica rock (e non soltanto) italiana.
Degeneration Beat è il giusto punto di fusione dei vari generi musicali, e non solo: è la giusta sintesi tra letteratura, musica, filosofia e storia sociale e del costume.
Forse neanche chi è arrivato a tanto si rende conto di quello che ha fatto.
Però, detto così, non si capisce niente.
Cominciamo dall'inizio (che risale a più di due anni fa): Boris Savoldelli e Alessandro Ducoli, l'uno nella parte di quello che sa, che conosce, e l'altro in quello del truce cantautore ruspante, vergine dell'argomento, si incontrano-scontrano sul movimento Beat americano (non il Beat inglese e la sua musica, ma il movimento americano di Kerouac e Ginsberg, Corso, Ferlinghetti, Burroughs) per decidere se è esistito veramente e se esiste ancora un tale movimento e in cosa consiste; e se esiste, c'è una 'via italiana' al movimento beat?
Il gruppo si allarga a Federico Troncatti, Andrea Bellicini e Andrei Kutov e si formano i Brother K.
Nasce una sorta di Story-Book che contiene studi, riflessioni, conclusioni. La questione si espande e nascono le canzoni, le musiche, colonne sonore della storia scritta che, a sua volta, diviene didascalica per le musiche stesse.
Ne parlano a Fernanda Pivano che con loro si incontra più volte, sorpresa e compiaciuta di questo riaccendersi di interesse per un periodo e un movimento che lei ha studiato, seguito e vissuto a lungo.
Vengo coinvolto anch'io come 'lettore esterno' imparziale, per dare primi giudizi e consigli.
Alla fine arriva il disco: incredibile. O meglio, tanto credibile da essere impreparati ad accoglierlo.
Evanescente e concreto, così come il movimento Beat, il disco incarna l'essenza stessa del movimento nella sua impossibillità di 'ingabbio' in qualsiasi schema conosciuto.
In un ipotetico viaggio spazio-temporale le strade vengono percorse tutte, grandi e piccole, e tutte portano in nessun luogo perché è giusto così: non ci deve essere un punto di partenza e uno di arrivo, le strade vanno solo percorse perché l'essenza è il viaggio stesso. E così i generi musicali si intrecciano, si incrociano, vengono 'percorsi' ma mai assunti o definiti. Quello che conta è l'esperienza e l'emozione; la parola stessa è un veicolo e può portare da una parte o dall'altra. L'esempio perfetto è il brano 'Io' (che vi offro in versione MP3): multivocalità sul nulla, fatta di frasi spezzate che si rincorrono come in una gigantesca partita di Scarabeo, per formare ora una frase e, poco dopo, un'altra.
Il disco e lo Story-Book sono stati stampati in una serie limitatissima per critici ed amici, in attesa di trovare una pubblicazione degna.
Alla realizzazione della parte musicale hanno collaborato anche Teo Marchese, Morris Peretti, Mario Stivala, Giuliano Muratori. Il grande Mark Murphy (crooner statunitense), venuto a conoscenza del progetto, ha voluto parteciparvi donando la sua voce ad un intenso 'reading' di Subterraneans.
Io vengo citato come il 'colpevole' della nascita del brano 'Io'.
Furio Sollazzi - www.miapavia.it
Lennon Memorial - Ottimo 2004
Domenica 12 Dicembre, al Boschetto di Torre d'Isola, ancora una volta (la dodicesima, per precisione) si è consumato il 'rito' del raduno annuale dei beatlesiani per il Lennon Memorial Concert.
Peccato la coincidenza con la presentazione del libro dedicato a Morani a Spaziomusica: ha tolto un po' di gente sia di qua che di là.
Comunque 'seratona', come si suol dire, nonostante un paio di 'defezioni' (una giustificata, l'altra no).
Le beatle-bands più conosciute (Back To The Beatles, Abbey Band) hanno confermato le aspettative e i Quarrymen di Bari sono stati all'altezza della loro fama. Ragazzi affabilissimi, divertenti, affettuosi ed entusiasti, hanno galvanizzato il pubblico con la loro esibizione.
Molto bravi i Sacher Quartet con le loro versioni 'a capella' e, spiazzante e bravissimo, Boris Savoldelli ha, ancora una volta, stupito presentandosi da solo, con il solo ausilio di un mini-campionatore vocale; bisognava esserci per poter credere a quello che ha combinato.
Alberto Marsico si è portato il suo Hammond B3 personale e la sua classe da jazzista ha incantato i presenti.
Il pubblico ha resistito compatto sino a dopo mezzanotte, quando l'ultima delle 10 bands presenti (Special Blend) ha concluso la propria esibizione.
Quando già stavano per lasciare il locale, sono tutti tornati a sedersi per una Jam improvvisata tra i Quarrymen e Marsico.
Chiusura in bellezza, quindi, e appuntamento a Dicembre 2005 per una nuova edizione.
Furio Sollazzi - www.miapavia.it
Kamakiriad “If you don’t like it the exit is right there”
Da sempre Mescalina è poco incline ad accogliere e recensire cover bands per la loro natura inevitabilmente derivata e per la diffusa mancanza di creatività che accompagna questo tipo di progetti.
L’eccezione, che nel nostro caso non conferma la regola, è rappresentata dai Kamakiriad, band lombarda guidata da Boris Savoldelli: chiariamo subito che il motivo per cui accogliamo tra le nostre pagine questo dischetto è dovuto al tasso di irriverenza e di competenza tecnica insolite a livello di rock emergente. Già i termini, “sperimentale, funk, jazz”, con cui i Kamakiriad definiscono la “loro” musica fanno pensare ad un caleidoscopio sonoro tanto dissacrante quanto impegnativo: le cinque cover contenute in questo demo sono infatti un tentativo di trovare altre direzioni a quelle che sono pietre miliari del rock.
Si parte dal riff e dalla struttura dei classici per poi lasciare andare gli strumenti ad un’improvvisazione che concettualmente deve il proprio approccio al jazz, ma a livello sonoro segue più i canoni del funk e del blues.
A livello qualitativo non c’è nulla da rimproverare ai Kamakiriad: la tecnica strumentale e vocale è precisa ed elevata e riesce ad innalzare un suono voluminoso, in cui le canzoni vengono dilatate fino a diventare lunghe suite. Quello di “If you don’t like it the exit is right there” è un tempio chiuso al popolo, in cui la virtù risuona sola, fino a rasentare il compiacimento.
A convincere meno sono i pezzi dei Rolling Stones, ripuliti e rivestiti per una nuova iniziazione che poco a che fare con lo spirito del diavolo. Meglio invece “Mystic mile”, quando la band compie un’operazione di lifting su un blues alla Robben Ford, e “Eleanor Rigby”, sacrificata seguendo un rito di perfezione che ricorda i migliori Toto: è come se i Kamakiriad svuotassero il rock delle sue interiora per poi imbalsamarlo e crearne dei nuovi simulacri da appendere nel loro tempio. Inevitabile che alcune di questi siano a dir poco buffi, essendo prodotti di un’intenzione bizzarra, come la traccia conclusiva, con un accostamento tra il rock dei Rolling Stones e il funky provocatorio di “Batman”, che diventa uno sghignazzante sacrilegio.
In conclusione risulta improprio definire Boris Savoldelli e compagni una cover band: il solito ingaggio in un pub non sembra infatti essere l’obiettivo del gruppo. Quindi, visto che i mezzi tecnici ci sono, il prossimo passo dovrebbe essere quello di portare all’altare del materiale proprio: solo allora si potrà dire se quella dei Kamakiriad sia una setta che merita un seguito di fedeli propri oppure la scomunica.
Christian Verzelletti - www.mescalina.it
Kamakiriad “If you don’t like it the exit is right there”
E questi da dove saltano fuori (direte voi)?
Allora, più volte vi ho parlato di Boris Savoldelli, uno dei più promettenti nuovi "crooner" italiani, e delle sue spericolate avventure musicali. Bresciano d'origine e pavese d'adozione (avendo fatto qui da noi tutti i suoi studi universitari) si cimenta spesso con varie formazioni e si avventura in svariati generi musicali.
Le ultime volte che abbiamo avuto occasione di ascoltarlo (lo spettacolo Voci Solidali a Gropello e il Lennon Memorial Concert a Torre d'Isola) l'abbiamo visto accompagnato da un'agguerrita band: i Kamakiriad (Paolo Filippi, Andy Ronchi, Erick Yanou e Matt Marchese).
Il progetto è nato da un'idea di Paolo Filippi: sostanzialmente prendere brani famosi della tradizione rock-funk-pop ed usarli come pretesto per la costruzione di arrangiamenti piuttosto "dissacranti", SENZA preoccuparsi troppo della correttezza "filologica" dell'arrangiamento stesso ma cercando, piuttosto, di giocare MOLTO sull'interplay dei musicisti; in particolare delle due voci soliste rappresentate dalla chitarra di Paolo e dalla voce di Boris.
Un po' come prendere l'idea di fondo del jazz (l'interplay e l'improvvisazione appunto) calandola in un contesto più rock-funk. Non a caso, infatti, per fare questo lavoro hanno deciso di NON utilizzare in studio alcun clock e di NON definire i brani se non nell'idea di fondo dell'arrangiamento; il resto, in puro stile jam session anni '70, è stato lasciato alla "magia" del momento. Qua e là gli errorini ci sono, ma ciò che più conta è proprio l'interplay e mi pare che tutto ciò sia evidente (positivamente) anche al primo ascolto. Su una solidissima base funky-blues, la chitarra e la voce si intrecciano in funamboliche sfide rivelando, oltre a notevoli doti tecniche, anche un raffinato gusto nell'improvvisazione.
Gli arrangiamenti (o meglio, gli schemi di arrangiamento su cui le improvvisazioni s'intrecciano) sono tutt'altro che banali, affascinanti e ricchi di spunti stimolanti.
Il demo che mi è pervenuto potrebbe già essere un buon disco così com'è; se proprio si deve cercare il pelo nell'uovo (tenendo conto che sono dei pre-mixaggi provvisori) c'è un'uniformità di sonorità (vedi per es. la timbrica e la tipologia del rullante) che rischiano di appiattire un po' l'individualità dei brani.
Però è un prodotto zeppo di buone idee e suonato in maniera egregia (per non parlare del canto!).
Penso che un brano esemplificativo sia quello che ho scelto di proporvi: Jumpin' Jack Batman.
Ascoltare per credere.
Furio Sollazzi - www.miapavia.it
If you don't like it the exit is right there (CD autoprodotto, 2004)
Se non ti piace, quella è la porta. Più o meno è il senso del titolo di questo mini CD organizzato da questo supergruppo della Valle Camonica dove suonano Boris Savoldelli (ex Ultimatum), Paolo Filippi (ex Feel Hippy and Grumpy), Andy Ronchi, Erick Yanou e Matt (Teo) Marchese (ex Cerveza).
E' un album di sole cover suonate con un gusto rock decisamente invidiabile e che rende omaggio soprattutto agli Stones (presenti con due brani e mezzo (mezzo perchè in "Jumpin Jack Flash" il nome Flash è stato sostituito con Batman!).
"Eleanor Rigby" dei Beatles è resa in una versione assai più rock dell'originale con le chitarre in bella evidenza, mentre "I can't get no (Satisfaction)" (in questo caso con le parentesi rovesciate) si apre con una lunga introduzione strumentale e dura ben 11 minuti, altro pezzo molto elettrico e ben reso.
Anche "Paint it black" è un brano che si apre in modo da non farsi riconoscere a un primo ascolto, qui in versione rock-blues.
"Mystic mile", altro brano suonato alla grande, un pezzo lento con dei bei fraseggi di chitarra, infine la già citata "Jumpin' Jack Batman", anche qui in versione elettrica e con un cantato che comunque la avvicina al blues.
Non è detto che gli omaggi, per essere sentiti e vivi, debbano essere pedissequamente simili agli originali, si può gratificare i pezzi anche, o forse soprattutto, con versioni personali e fantasiose, ed è quello che riesce ottimamente ai Kamakiriad. Bravi!
Cesare Casalini - Radio Voce Camuna
Una «Skossa» da Lovere contro la crisi del disco
…Un esempio interessante di questo genere di «gruppo di lavoro» è l'associazione culturale Skossa di Lovere, che riunisce musicisti, appassionati e addetti ai lavori della zona geograficamente compresa fra l'Alto Sebino, la Valle Camonica, l'Alta Valle Seriana e la Val Cavallina. Dall'inizio degli anni '90 ad oggi quella zona ha portato a galla una schiera di giovani decisi a convogliare il malessere adolescenziale della provincia in creatività e voglia di musica. Oltre ad organizzare concerti, rassegne di video musicali e altre iniziative, Skossa promuove quelle realtà musicali locali che mostrano particolare personalità e che hanno prodotto una manciata di cd degni di nota. Le abbiamo volute conoscere…
…Altro solitario di lusso è Boris Savoldelli, vocalist dalle credenziali spaventose: studi classici con Simona Marcello perfezionati con Jeffery Allen ed Elizabeth Sabine (già insegnante di Axl Rose e Michael Bolton), stage tematici su interpretazione e improvvisazione jazz e su tecniche vocali nelle culture extraeuropee a Graz e Dublino, una partecipazione come ospite a Sanremo Rock e qualche serata a Los Angeles con musicisti normalmente al fianco di Ray Charles, Tom Waits, Frank Sinatra, Journey o Steps Ahead.
Diego Ancordi - L’Eco di Bergamo, 10 gennaio 2004
Ultimatum “ Big One”
Freschezza e buona qualità contraddistinguono questo primo prodotto a nome Ultimatum.
Il quintetto proveniente dalla provincia bresciana, si fa portavoce brillante di una miscela artistica americana che pone sugli scudi melodie scintillanti ed atmosfere ricercate e soffici. Qualche sbavatura esiste (è pur sempre la prima incisione ufficiale), ma tutto ciò non scalfisce di un millimetro il nastro che meriterebbe alti gradi di merito in una ipotetica classifica di settore, in virtù di arrangiamenti onirici, strutture melliflue, intelaiature che sanno di “heaven” ed una voce sapiente per calibratura e modulazione (quante band possono asserire ciò?).
Il lato due non perde un colpo grazie alla perlacea “ Give it up” contrassegnata da un chorus da air-play, alla pulsante “Prince of the night”, sagace fusione di Toto e Survivor, a alla malinconica slow “Forever” con tanto di piano decadente e doloroso, ma anche le restanti “Time to go” e “Dark Sunset” sono degnissime di essere citate in fase di analisi.
In conclusione, mi sento realmente colpito da questo five-tx e non posso esimermi dal fare i miei più vivi complimenti a questi abili musicisti.
Franco Leonetti - Metal shock, luglio 1993
“…Riuscito ci è sembrato anche il pop rock dei bresciani Ultimatum. La loro “Stay away” non ha nulla da inviadiare alle megaproduzioni d’oltreoceano e aldilà dell’Atlantico potrebbero fare la felicità di un’emittente radiofonica. …..”
Pierfrancesco Atzori - Rockstar, febbraio 1994
ULTIMATUM (top demo del mese)
“ Il prodotto vola alto sulla media nazionale e non fa altro che sciorinare capacità tecniche unite ad un songwriting e ad un gusto nelle melodie decisamente meritevoli di attenzioni fuori dai patri confini. Perché questo genere non hai mai sfondato le barriere del nonchalanche nella nostra penisola rimane un mistero. Cercate però di porvi rimedio shakerandovi al più presto con queste sei gemme di talento puro che mi auguro possano lasciare segni tangibili, magari su un CD.
I brani, tutti notevoli, sono ariosi, ficcanti, talvolta spunta un’armonica suonata da Fabio Treves mica da Gino Pino, e poi potete resistere al chorus di “Down”? Con un budget serio ne vedremmo di fiammate!”
Franco Leonetti - Metal Shock, gennaio 1995
“…Una tipica hard rock band di levatura estremamente buona quella degli Ultimatum. Sei elementi che nel 1991 si uniscono nel nome della comune passione del rock. Dopo un’intensa attività live, hanno pubblicato nel 1992 il primo loro demo intitolato “Big One” che è stato gratificato da ottime recensioni su numerose riviste specializzate…”
Mercatino musicale, febbraio 1995
“Big One consente al gruppo di partecipare alla compilation“NIGHTPIECES III” edita dalla benemerita “DRACMA” di Torino... che dire degli Ultimatum, se non che ci troviamo di fronte ad una delle migliori rock band che ultimamente abbiamo ascoltato. Energia da vendere, professionalità, idee musicali, tutti presupposti che dovrebbero garantire alla band un ottimo impatto sul pubblico e sul mercato……..”
Mercatino musicale, febbraio 1995
“…Questo prodotto ci conferma che l’Italia è in grado di produrre ottimi gruppi e, soprattutto, ottima musica. …”
Hard, marzo 1995
“…Un buon esordio quello dei lombardi, autori in passato di un pregiato demo più l’apparizione alla kermesse “Nightpieces III” edita dalla Dracma.
Da segnalare l’aiuto esterno fornito dall’apprezzato session man Fabio Treves.
Guidati dal front man e vocalist Boris Savoldelli, dotato di un’ugola lasciva e viziosa che ricorda un David Vain però intercalato nell’ipotetico ruolo di chic rocker, i nostri scattano dai blocchi di partenza con una “Dreamy Eyes” dominata dai luccicanti giochi corali.
Una delle influenze più rilevanti sono sicuramnete gli impasti fra timbriche jazz e liricità tipicamenete AOR, espresse ad esempio in “There ain’t Nothing You Can Say”. Altro aspetto che ogni tanto esce allo scoperto, sono le influenze blues, palesate dalla hendrixiana cover di “Little Wing” e nella crepuscolare “Tell my way”, una grandissima ballad che se solo venisse scoperta dalle nostre disgustose radio farebbe la fortuna di questi ragazzi.
Stop and go nei poderosi riffs stile Whitesnake di “Tonight”, mentre l’ottima conclusiva “Give it Up” privilegia ariose atmosfere yankee con tastiere che conferiscono per l’ennesima volta un buon impatto radiofonico.
Un debutto di classe, una speranza concreta per il rock made in Italy.
Fabio Zampolini - Metal Shock, dicembre 1995
Italy is not so know concerning Melodic Rock/AoR, but they had and still have some good ones like Crying Steel (Whatever happened to them?), Heaven Tuoch, Dhamm.
Ultimatum is a new one coming from Italy. Their melodic Rock/AoR is pretty good, I must admit.
The band reminds me also of an other italian band, namely Elektradrive. The best tracks are “ Dreamy Eyes”, “There ain’t Nothing You Can Say”,”Down”, and the ballad “Tell me way”. Very Good CD
Stutter ‘Zine, Olanda, marzo 1996
“Fragments” - Boris Savoldelli & Andrei Koutov
Perchè mai parlare del disco d'esordio di un duo bresciano, di difficile reperibilità?
Primo perchè Boris è stato per lunghi anni pavese d'adozione (ha studiato presso la nostra Università e qui si è anche laureato) e secondo ... perchè è un bel disco.
Se volete, potrei aggiungere anche un terzo motivo: è strano trovare un giovane che scelga di diventare un "crooner"( si definisce così un cantante che usa uno stile "confidenziale", asciutto e, sostanzialmente, melodico).
Boris ha le doti vocali per affrontare una scelta così difficile: quando ad accompagnarvi c'è un semplice pianoforte ... o siete bravi o è meglio lasciar perdere.
Andrej Koutov, pianista di origine russa (il nome la dice lunga) non è da meno e sfodera uno stile invidiabile e ricco di gusto e grinta (quando serve) fornendo una base essenziale ma ricca alle esecuzioni vocali di Boris.
La scaletta del disco spazia dai grandi standard (Lady Is A Tramp, Don't Get Around Much Anymore, Night and Day, Georgia On My Mind) ad alcuni brani contemporanei che hanno tutte le caratteristiche per diventare dei futuri "classici" come Roxanne, Moon Over Bourbon Street e Don't Let The Sun Go Down On Me.
E' proprio in quest'ultimo brano che la voce e l'interpretazione di Boris stupiscono nell'avvicinarsi in maniera impressionante alle timbriche e ai modi di George Michael al punto da poter provocare confusione in un ascoltatore poco attento che potrebbe credere di ascoltare l'originale.
Il disco è ben cantato e ben suonato; se propio un difetto devo riscontrare è quello di aver inserito in scaletta un brano che potevano risparmiarsi: Summertime.
Non è che la canzone sia mal eseguita o non cantata bene; tuttaltro. Il fatto è che si tratta di un brano usato, strausato, abusato al punto da provocare disattenzione nell'ascoltatore che ormai non riesce neanche più a distinguere una buona versione da una cattiva; e tant'è.
Furio Sollazzi - www.miapavia.it
Lennon Day 2000. Due grandi successi per chiudere il 2000
“……tutti bravi, ma quelli che hanno colpito di più sono stati Boris Savoldelli e Andrei Kutov: quest’ultimo nativo della Russia, si è dimostrato un pianista davvero dotato mentre Boris ha incantato tutti con i sui virtuosismi vocali e la sua musicalità ricca di gusto. ….”
Furio Sollazzi - www.miapavia.it
Pavia: applausi al Natale in versione pop.. Teatro Fraschini strapieno per la manifestazione benefica contro le leucemie.
“…se le esibizioni sono state tutte di ottimo livello, alcune hanno dimostrato particolare originalità: Boris Savoldelli ha stupito per l’uso davvero incredibile che ha fatto dello strumento-voce……”
www.guide.supereva.it, aprile 2002
Musica - Voci Solidali - Ottimo Successo
Ha dato esiti veramente positivi il concerto Voci Solidali tenuto, a famore di Emergency, Lunedi' 20 Ottobre al Teatro San Giorgio di Gropello Cairoli…..….La conclusione del concerto è stata affidata a Boris Savoldelli accompagnato dai Kamakiriad……la sua versione di Purple Haze ha letteralmente steso il pubblico (che, tra parentesi, non si aspettava certo un muro del suono così potente). I brani seguenti sono stati un po' più tranquilli e Boris si esibito in una versione di Walk on the Wild Side solo voce e campionatore vocale riuscendo a costruire un grappolo di voci impressionante. Il bis finale (una violenta versione di Satisfaction degli Stones) ha letteralmente paralizzato il pubblico……”
Furio Sollazzi - www.miapavia.it
Missione compiuta! (Lennon Day 2003)
…I Sacher Quartet, divertenti e divertiti, oltre ad essersi esibiti con i Back To The Beatles, hanno poi improvvisato una vibrante versione di Eleanor Rigby insieme al gruppo di Boris Savoldelli il quale, da parte sua, non ha mancato di stupire il pubblico (come fa puntualmente ogni volta) con arrangiamenti raffinatissimi, trascinanti ed imprevedibili.
Bravissimi anche i musicisti che suonavano con lui…
Furio Sollazzi - www.miapavia.it
Beatles Antologia per il Mozambico
“……Altra rappresentanza di rilievo quella di Boris Savoldelli, eclettico cantante che ha collaborato con numerosi artisti come il pianista Andrei Kutov, che anche in questa serata sarà a suo fianco per eseguire alcuni pezzi dei Beatles appositamente arrangiati per piano e voce. ….”
Bresciaoggi, febbraio 2001